Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Cori razzisti contro i giocatori del Milan: sospesa l’amichevole con la Pro Patria

Sospesa l'amichevole Milan Pro Patria

di Mariangela Saulino

04 Gennaio 2013

La partita amichevole tra il Milan e la Pro Patria è stata sospesa per ben 27 minuti a causa dei cori razzisti intonati dalla tifoseria, nei confronti di Niang, Boateng e Muntari.

Dopo aver richiamato l’attenzione dell’arbitro Boateng ha, addirittura, deciso di sfilarsi la maglia ed abbandonare il campo, seguito poi dai suoi compagni.

La partita è stata poi definitivamente sospesa a causa del rifiuto dei giocatori del Milan di tornare in campo.

Il capitano Ambrosini ha spiegato la decisione di tornare in campo: “Dispiace molto per tutte le persone che erano allo stadio ma andava dato un segnale forte. Il Milan si impegnerà a tornare a Busto Arsizio soprattutto per i bambini e le persone che non hanno nulla a che fare con il razzismo ma un segnale andava dato contro il razzismo. Non era giusto continuare a giocare, impossibile riprendere con un clima del genere”.

Secondo il mister Allegri serviva un segnale forte, un esempio per tutti, per poter porre fine a gesti di tale inciviltà.

Se l’episodio è stato condannato da molti di parere opposto è il sindaco di Busto Arsizio, Gigi Farioli, secondo il quale è stata opera di “quattro deficienti”, definendo anche impropria la reazione di Boateng che “tira un pallone a 200 kmh contro un tifoso”. Farioli ha spiegato che era allo stadio “e dalla tribuna non ho sentito nulla. Mi hanno detto che ci sono stati tre o quattro pirla che forse non sono neanche di Busto che hanno gridato qualche buu ai giocatori. Ma l’arbitro ai primi segnali doveva fermare il gioco, chiamare i capitani e avvisare tramite lo speaker che al buu successivo la partita sarebbe stata sospesa definitivamente”.

Intanto, gli uomini della Questura di Varese, supportati dai rinforzi messi a disposizione per l’evento dal Dipartimento della P.S., hanno individuato i soggetti che si trovavano nel settore da cui sono provenuti i cori nei confronti dei giocatori di colore del Milan.

Leggi anche

Seguici