Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Misko, il cane ucciso con un petardo in bocca

La rete mobilitata per cercare gli aguzzini di Misko

di Mariangela Saulino

09 Gennaio 2013

Una storia triste e sconvolgente arriva dalla città di Gallesano, in Croazia, dove la notte di Capodanno il piccolo bastardino di un’anziana signora, Misko, è stato torturato ed ucciso.

Dei balordi gli hanno inserito un petardo in bocca che, una volta esploso, lo ha ferito gravemente provocandogli ferite così importanti che il veterinario che lo ha curato non ha potuto far altro che praticargli l’iniezione letale.

E’ stato creato su Facebook un gruppo che conta già più di 50.000 iscritti il cui obiettivo è quello di individuare gli autori del crudele gesto.

In realtà in paese, i sospetti si concentrano su un gruppo di violenti che ha già terrorizzato la popolazione con gesti cruenti.

I fan del gruppo hanno firmato una petizione on line che chiede il massimo della pena per gli aguzzini del piccolo Misko. Un bastardino che non ha mai fatto male a nessuno, non abbaiava contro i passanti né aveva aggredito nessuno ma, purtroppo, ha avuto la disavventura d’incontrare sulla sua strada il gruppo di balordi che lo ha torturato ed ucciso.

Infatti, nel corpicino del cane sono stati ritrovati anche dei pallini di fucile ad aria, forse sparati prima del petardo.

In Croazia è stata di recente modificata la normativa sulla tutela degli animali, uniformandola agli standard europei ed è stata introdotta la pena detentiva per coloro che commettono atti di violenza sugli animali.


Leggi anche

Seguici