Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Pippi Calzelunghe: DeAKids, Sky

Licia

di Mamma Licia

29 Ottobre 2010

Pippilotta Pesanella Tapparella Succiamenta Calzelunghe, ovvero Pippi, è una bambina eccezionale, ha i capelli rossi e le treccine a mezz’aria, una forza sovrumana, ai limiti del paranormale, ed è buona e altruista.

Pippi possiede un cavallo bianco a pois neri che lei chiama Zietto ed una scimmietta di nome Signor Nilsson che sta sempre seduta sulla sua spalla. Oltre a questi due animali, Pippi ha due migliori amici: i suoi vicini di casa, Tommy e Annika, due fratellini che condividono con lei fantastiche avventure.

Pippi piomba all’improvviso nella tranquilla cittadina svedese di Visby (nell’isola di Gotland) e va a vivere da sola a Villa Villacolle una grande villa dall’aspetto molto vivace e colorata con colori verde e rosa pastello. Sua madre è morta e suo padre è un pirata disperso nei Mari del Sud.

Nata dalla penna della scrittrice svedese per ragazzi Astrid Lindgren, al suo primo apparire (nel 1945) Pippi Calzelunghe fece scandalo. In una Svezia puritana e repressiva, fu attaccata da pedagogisti e genitori. Il suo anticonformismo, il suo non avere nessuna regola e l’assenza di una figura genitoriale che le imponga modi e maniere facevano di lei un esempio da non seguire.Ma Pippi Calzelunghe è una favola. Il suo stesso nome fu inventato dalla figlia della scrittrice che ammalatasi di polmonite chiese a sua madre di raccontarle le storie di una bambina a cui lei stessa aveva dato lo strano nome di Pippi. Proprio per questo motivo, la Lindgren decise che anche le storie di Pippi sarebbero dovute essere fuori dal comune come il suo stesso nome.

Ed ecco così la nostra Pippi, dotata di un superpotere che la rende invincibile, una forza sovraumana inspiegabile (è forse ereditaria?) che è il simbolo e la metafora della sua libertà.

Pippi incarna i desideri di ogni bambino: è senza regole, senza nessuna responsabilità, può decidere come trascorrere le giornate, non deve andare a dormire se non ne ha voglia, cucina sporcando dappertutto, lascia tutto in disordine. E non c’è nessuno a dirle “questo non si fa!”

Quale bambino non ha mai desiderato almeno una volta nella vita di compiere le stesse gesta di Pippi? Le sue trasgressioni non sono altro che quelle piccole ribellioni infantili che ogni bambino sogna di realizzare.

Sbaglia però chi interpreta la mancanza di una guida adulta che spieghi a Pippi ciò che è giusto e ciò che sbagliato come un inno all’assenza di regole e alla disobbedienza. Basta seguire tutta la serie del telefilm per rendersi conto di quante volte sia la stessa Pippi a porsi domande sul valore delle sue azioni, chiedendosi se quello che fa è giusto o sbagliato. E per trovare una risposta si rivolge alla madre in cielo, cercando di capire quale sia la via corretta da seguire. Pippi è quindi ben consapevole del valore e dell’esistenza di certe regole, non le nega, non le svaluta né sminuisce, ma il suo fascino deriva proprio dal suo essere completamente libera, libera di scegliere e capire con la propria testa, senza farsi condizionare dalla gabbia delle restrizioni sociali.

Pippi è quindi un personaggio surreale, fuori dagli schemi e dalle convenzioni stabilite, quasi una femminista, ma ha anche appigli e riferimenti fortissimi con il mondo reale.

DeAKids (Sky, canale 601) ripropone la serie tv di Pippi Calzelunghe tutti i giorni alle 20.00.

Ecco sono qui
Pippi Calzelunghe così mi chiamo;
credo proprio che
una come me non c’è stata mai!

Ogni volta che
devo far qualcosa combino guai,
ma alla fine poi
vedo che son tutti amici miei!

Pippi, Pippi, Pippi
che nome, fa un po’ ridere,
ma voi riderete per quello che farò!

Tutto il giorno sto
con una scimmietta e un cavallo bianco
ed un topo che
tutto il mio formaggio si vuol mangiar!
Forse non lo sai,
ma io qualche volta divento magica:
quello che tu vuoi
dillo a me che, forse, te lo darò!

Pippi, Pippi, Pippi
che nome, fa un po’ ridere,

ma voi riderete per quello che farò.

La redazione di Vita da Mamma ringrazia il Direttore Canali tematici De Agostini, Massimo Bruno,

e l’Ufficio stampa DeAKids

Leggi anche

Seguici