Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Bambino rapito in Alabama, ultime notizie di Ethan

Ethan, il bimbo preso in ostaggio da un survivalista

Gioela Saga

di Gioela Saga

03 Febbraio 2013

bambino 6 anni preso in ostaggio Non solo tutta l’America è con il fiato sospeso per la sorte del piccolo Ethan ma tutti noi facciamo il tifo per lui affinché esca sano e salvo da questa avventura allucinante, ai confini della realtà, che non doveva succedere.

I fatti si sono susseguiti concitatamente, in un batter di ciglia.

Martedì 29 gennaio poteva essere un  am Legend survivalistigiorno qualunque per Ethan, 5 anni, che si stava recando come sempre alla sua scuola, come molti dei nostri figli fanno abitualmente.

Ci troviamo nel villaggio di Pinckard, a pochi chilometri da Midland City, Albama. Ecco che, improvvisamente, si para davanti allo scuolabus un uomo, Jimmy Lee Dykes, che assalta letteralmente il pulmino e uccide l’autista 66enne Charles Poland, che aveva tentato di difendere gli alunni a bordo, si impadronisce del veicolo e porta via con se’ il piccolo, rifugiandosi nel bunker che ha costruito lui stesso nel giardino di casa: una prigione situata a poco più di un metro sottoterra, di 2 metri per due e mezzo. Per mesi, giorno e notte ha scavato per realizzarlo. Si ignorano tuttora le effettive cause che hanno scatenato questo episodio.

  • Ma chi è questo folle?

villaggio di Pinckard rapimentoE’ un uomo di 65 anni, ex camionista in pensione, reduce del Vietnam, appartenente a una setta millenarista detta dei survivalisti (sopravvissuti).

Gli adepti di questa setta credono che sia imminente un’apocalisse portata da un golpe di Washington, una guerra o un attacco terroristico devastante. Sono quasi 3 mila i gruppi negli Usa che s’ispirano a tutto ciò, hanno anche un film di riferimento che è  “I am Legend”, in cui Will Smith è l’ultimo uomo che resta a combattere a New York contro alcuni mutanti, trasformati in vampiri da un virus.

 am Legend sopravvissuti

La Cnn ha ribattezzato i survivalisti delle “bombe a orologeria” e i fatti sembrano dar loro ragione. C’è anche una drammatica coincidenza che lega questa vicenda alla strage di Newtown nel Connecticut, anche la madre del killer della scuola elementare Sandy Hook era una survivalist.survivalisti setta

Secondo loro il governo di Washington nasconde agli inermi cittadini che presto il mondo sarà preda di tragici sconvolgimenti politici e sociali, che scatterà la lotta di tutti contro tutti, l’anarchia e la guerra per la sopravvivenza. Secondo questa “logica”, solo chi si sarà preparato per tempo potrà salvarsi e dunque preparano, allestiscono bunker, fanno continue scorte di cibo e acqua.

Da sabato, l’Fbi ha anche chiesto di evitare di diffondere notizie sensibili per non irritare il sequestratore che segue la vicenda dalla televisione.

  • Per cercare di entrare nella psicologia dell’uomo, lo sceriffo, nell’ultima conferenza stampa, lo ha am Legend survivalisti addirittura ringraziato pubblicamente per “prendersi cura del bambino”, aver permesso di fargli avere libri, matite colorate, giocattoli e anche medicine. Il piccolo Ethan, oltretutto, soffre di una leggera forma di autismo, la sindrome di Asperger.

Questa è l’unica condotta fin’ora seguita per cercare di non spezzare il filo con Dykes e non far precipitare in modo drammatico gli eventi. Le autorità sono costantemente in contatto con lui attraverso un tubo di aerazione.

 am Legend survivalistiAgenti armati delle unità speciali (hostage rescue team e swat), dell’Fbi e della Guardia Nazionale circondano il sito, ma non osano avvicinarsi per non suscitare una reazione dell’uomo e mettere a repentaglio la vita di Ethan.

  • Ci si chiede come questo sia potuto succedere, non ci si permette di giudicare nessuno ma certo fa pensare un sistema e un piccolo paese dove, pur essendo testimoni di un comportamento così asociale e che non si può solo definire strano ma potenzialmente pericoloso, non si sia fatto nulla. Come mai nessuno si è fatto carico di capire meglio cosa potesse passare per la mente di quest’uomo.
  • Fino a che punto possiamo comprendere e rispettare la libera scelta di ognuno e quando invece è giusto intervenire perché si potrebbero creare delle condizioni di pericolo?

 am Legend survivolSpesso è proprio l’indifferenza travestita da tolleranza a  creare e concimare questi terreni a metà tra follia e disperazione.

  • Come poteva un uomo considerato violento, aveva già minacciato un vicino solo perché accusato di avergli rovinato il giardino, probabilmente affetto da disturbi mentali di origine post-traumatica, agire in modo così inconsueto e indisturbato?

Molti lo descrivono come una persona quanto meno bizzarra e paranoica, con profondi sentimenti antigovernativi.

Nella cittadina tutti lo sapevano, tutti  lo conoscevano, per molti era solo una bomba destinata ad esplodere, eppure siamo dovuti arrivare fino a questo fatidico 29 gennaio.

  • Ethan sembra che stia fisicamente bene, ma si è sentita la sua vocina lamentarsi della mancanza dei genitori… possiamo solo immaginare il tremendo incubo, le ferite non fisiche ma psichiche che tarderanno a rimarginarsi, quando, comunque, tutti ci auguriamo, potrà ritornare a casa a riabbracciare mamma e papà.

 

 

 

Leggi anche

Seguici