Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Oscar Pistorius fidanzata uccisa: cranio fracassato con una mazza da cricket?

Oscar Pistorius e il giallo della morte della fidanzata Reeva

Federica Federico

di Federica Federico

17 Febbraio 2013

Oscar Pistorius il gialloMartedì saranno celebrati i funerali Reeva Steenkamp, la fidanzata di Oscar Pistorius uccisa nella notte tra il 13 ed il 14 febbraio dallo stesso atleta che l’amava.

Quello della morte di Reeva, in un primissimo momento,  è stato presentato alla stampa internazionale come un tragico incidente. Ora l’uccisione della giovane modella sta invece assumendo i caratteri di un giallo complesso e difficile da interpretare.

Le autorità sudafricane arricchiscono di particolari la scena del crimine.

  • Non è irrilevante che questi particolari siano alla fonte espressi in lingua inglese e non è dunque irrilevante che ogni notizia necessiti di debite traduzioni per essere diffusa e resa conoscibili anche in Europa. In merito va detto che una traduzione può essere più o meno fedele o più o meno altisonante.

– Pistorius e il suo collegio difensivo sostengono che Reeva si sarebbe introdotta in casa notte tempo; Oscar Pistorius il giallo

– sostengono che l’atleta svegliandosi a causa dei rumori provocati dalla fidanzata si sarebbe convinto di essere vittima di una rapina e per questo avrebbe sparato;

– sostengono che gli spari, esplosi senza l’intenzione di uccidere Reeva, sarebbero stati determinati dalla convinzione di Pistorius di dover difendere se stesso da un’aggressione. E l’atleta stesso ha dichiarato dinnanzi ai giudici di avere sparato dal bagno e di averlo fatto credendo di agire contro un ladro.

Gli investigatori dietro il cadavere insanguinato della giovane modella avrebbero disegnato uno scenario del tutto differente. Secondo l’accusa Pistorius e Reeva avrebbero litigato, la lite sarebbe degenerata e l’atleta avrebbe aggredito la fidanzata.

Secondo le ultime indiscrezioni il corpo di Reeva sarebbe stato spostato:

  • l’accusa attribuisce lo spostamento del cadavere alla dinamica dell’omicidio, qualificabile come delitto passionale e qualcuno sussurra che l’assassino potrebbe avere anche voluto suggellare la fine tragica del suo amore con un bacio della morte.
  • La difesa al contrario afferma che Pistorius avrebbe raccolto il corpo di Reeva ne tentativo disperato di rianimare la donna e di prestarle soccorso, lo avrebbe fatto proprio nel momento in cui si è drammaticamente reso conto di aver sparato alla sua donna.

In rete si sono rincorse diverse indiscrezioni relative a possibili liaison amorose di Reeva o comunque relazioni capaci di scatenare le gelosie di Pistorius, questi rumor non hanno trovato però nessuna conferma ufficiale.

Oscar Pistorius il giallo

È incerto anche il numero dei colpi di arma da fuoco “caduti” sul corpo della donna, in un primo momento le fonti giornalistiche riportavano la notizia di un colpo ad un braccio e di uno alla testa, ora si legge di 4 proiettili di cui un colpo avrebbe ferito la modella all’anca e due al cranio (il quarto forse al braccio).

  • È di queste ore la notizia che il capo di Reeva era “crushed” che letteralmente vuol dire schiacciato.

A fronte di un referto autoptico che ha individuato una lesione Oscar Pistorius il gialloulteriore rispetto a quella imputabile ad uno sparo, probabilmente gli investigatori sono tornati in casa di Pistorius alla ricerca di un’altra arma del delitto. Ed è così che la polizia avrebbe rinvenuto una mazza da cricket insanguinata – lo dicono fonti locali e la notizia è stata prontamente riportata dal Daily Mail Online.

Lo stesso Daily Mail Online riporta il doloroso sfogo del padre di Reeva che chiedendo verità e giustizia definisce “una perdita completa” la morte della sua giovane figlia.
Abbiamo solo bisogno di trovare delle risposte“, ha detto il Sig. Steenkamp. Nessuna accusa espressa a Pistorius ma un’aperta fiducia nelle attività investigative. La famiglia di Reeva non aveva mai conosciuto Pistorius, la mamma della modella di tanto in tanto aveva parlato con l’atleta al telefono.

 

Leggi anche

Seguici