Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Matita copiativa per schede elettorali: si cancella?

Matteo Dall'Osso, candidato del Movimento 5 Stelle consiglia di umettare la matita perchè, sostiene, può essere cancellata

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

25 Febbraio 2013

Ultimo avvertimento prima di andare a votare.

Arriva da Matteo Dall’Osso, ingegnere e candidato in Parlamento per il Movimento 5 Stelle

dal suo profilo facebook una serie di consigli su come evitare brogli alle urne: “Prima del voto bagnatevi la mano con la saliva, umettate la matita e poi votate, solo così il vostro voto sara’ indelebile… M5s e… vinciamo noooi!”. E ancora altro post: “La matita copiativa in dotazione alle urne elettorali è completamente cancellabile (provato su carta semplice)”.

Anche un altro grillino si era speso in consigli antibroglio, sempre da Facebook. Marco Piazza, consigliere comunale per il M5S rincara la dose:”Per avere la certezza assoluta che la matita sia davvero copiativa e il segno effettivamente indelebile, alcuni votanti ‘ciucciano la matita‘. Infatti, le matite indelebili (che devono essere usate nei seggi), se bagnate, lasciano un caratteristico tratto tendente al violaceo con delle piccole sbavature. Ho concreti motivi di ritenere che molti elettori a questo giro faranno questa ‘verifica’.

Attenzione! le schede macchiate o con segni di riconoscimento sono invalide. Se pertanto vi capitasse di macchiare involontariamente la vostra scheda fatevene dare un’altra”

Come mai tutte queste manie di persecuzione?

In verità le indicazioni arrivano dall’alto. Infatti sul blog di Grillo già qualcuno aveva sollevato il problema della matita, che doveva essere corredata di spugna per i francobolli, come in effetti una volta si faceva.

Ma oltre alle matite qualcun altro, a Bologna ha fatto notare che in qualche seggio il manifesto con il simbolo del Movimento 5 Stelle, “stranamente” non era stato affisso. Precisazione: il manifesto non conteneva solo il simbolo del M5S, il terzo dei tre fogli componenti il manifesto che riassumeva i simboli da votare, non era stato affisso, penalizzando anche il M5S.

Leggi anche

Seguici