Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Bagnetto Neonato Dopo il Parto, il Video che Sta Commuovendo il Web

Bagnetto neonato dopo il parto - il bagnetto consente al neonato di creare un ponte tra la vita uterina e quella extra-uterina, il bimbo ritrova l'elemento naturale che gli è più familiare: l'acqua. Ecco il video che sta commuovendo il web.

Gioela Saga

di Gioela Saga

12 Marzo 2013

Il primo bagnetto che affascina il web

E’ un video stupendo quello che si sta diffondendo in internet in questi giorni, un vero spettacolo della vita che sboccia e dei suoi fortissimi legami con l’ambiente uterino che si è appena lasciato. Si tratta di un filmato che riproduce un’ottima tecnica di rilassamento attraverso l’acqua, praticata da un’infermiera capacissima: Sonia Rochel.

Possiamo ammirare, è il caso di dirlo, delle immagini dolcissime riprese alla Clinica de la Muette, nella capitale francese, dove viene praticata una sorta di talassoterapia.

Il bimbo solo dopo poche ore dalla nascita, con il moncone del cordone ombelicale ancora in evidenza, viene delicatamente accompagnato in una piccola vasca dove, da un rubinetto, continua a scorrere l’acqua dove viene poi adagiato, sempre sostenuto dalle mani dell’infermiera.

La maestria di Sonia è davvero sorprendente.

All’inizio il bimbo si avvinghia alle mani della donna e, mentre viene immerso, spalanca gli occhietti come a riscoprire qualcosa che lo conforta perché conosciuto, si appoggia confidente alla mano di Sonia e cerca il contatto con l’acqua, inizia a volerla assaggiare e sembra che anche il gusto in qualche modo lo rassicuri ulteriormente, il calore e il suono dell’acqua è qualcosa che sembra percepire interiormente.

Gli occhi si socchiudono e il corpo si lascia cullare dal liquido, si fa dondolare dolcemente quasi a ritrovare la leggerezza che lo ha accompagnato per  nove mesi.

Si gira su un fianco in posizione fetale mentre l’infermiera lo accarezza dolcemente sugli occhi e il capo. Come a raggiungere uno stato di completo benessere e abbandono, mentre l’acqua continua a scorrere lieve sulla testolina, gli occhi e il viso, per pochi secondi il bimbo è immerso nell’acqua, galleggiando. La visione dall’alto sembra riprodurre proprio uno spaccato dell’utero materno.

Rapito da queste sensazioni ancestrali, il bimbo si addormenta e si lascia trasportare su un caldo asciugamano accolto da innumerevoli e sapienti massaggi.

E’ letteralmente affascinante guardarlo mentre nell’acqua succhia il dito ritrovando la sua dimensione naturale.

Sonia Rachel  ha 51 anni, 4 figlie  5 nipoti, è infermiera dal 1978 e ha messo a punto questo nuovo approccio per la cura dei neonati perfezionandolo durante i suoi 24 anni di esperienza nel reparto neonatale. Il suo obiettivo è proprio spiegare questa metodologia ai genitori e alle altre infermiere.

Secondo Sonia l’acqua è proprio l’anello di congiunzione tra la vita intrauterina e la nostra. L’associazione del massaggio naturale dell’acqua con quello delle mani, accompagnati dalla musica della propria voce, regolata in modo dolce e suadente, regala al bimbo una serenità ed un beneficio inesprimibili, in effetti guardando il video si rimane davvero emozionati ed affascinati.

Non si può fare a meno di condividere per alcuni attimi quella sensazione magica legata alla dimensione neonatale dove forse ci sono capacità sensoriali che noi abbiamo irrimediabilmente perso.

Leggi anche

Seguici