Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Animali domestici e bambini: a scuola in classe gli amici a quattro zampe

Nelle scuole primarie un veterinario ed un educatore cinofilo per insegnare ai ragazzi il rispetto degli animali

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

13 Marzo 2013

Si intitola “Diversi ma insieme” il progetto didattico presentato ad Angera (Varese) nelle classi terze quarte e quinte della scuola elementare del comune.

I “diversi” in questione sono i nostri animali domestici, e lo scopo del progetto è infatti l’educazione ad un corretto rapporto con gli animali d’affezione. Il progetto porterà in classe il veterinario Stefano Pozzi ed un allevatore cinofilo, Giancarlo Gianelli (presidente del Gruppo di Soccorso Alto Verbano ). Nato dalla collaborazione tra il comune di Angera e l’organizzazione no profit “Anch’io voglio correre onlus”, si tenterà tramite l’intervento delle due figure nelle scuole, con l’intento di insegnare ai più piccoli una corretta interazione tra bambini e animali. Tramite le lezioni di rispetto degli animali questi incontri tendono anche all’insegnamento e al rispetto del prossimo ingenerale e alla cura dell’ambiente.

Maria Paola Comolli, Presidentessa dell’associazione animalista commenta:

Vogliamo insegnare ai ragazzi il rispetto dei diritti di tutti gli esseri viventi e un corretto rapporto con la natura. Consideriamo importante sviluppare nei bambini la capacità di relazionarsi con gli animali, diminuendo la diffidenza nei confronti della diversità. Da una prima conoscenza tra animali selvatici e familiari, il nostro lavoro è proseguito dando ampio spazio al cane quale animale sociale: caratteristiche comportamentali, come avvicinarsi a questo animale , varie razze e utilità. Crediamo che coinvolgere i bambini in questo progetto possa porre le basi di adozioni responsabili e di prevenzione di abbandoni e fornisca ai piccoli una corretta modalità relazionale al fine, non ultimo, di evitare incidenti con gli animali”

Si prevedono altri incontri con altre scuole come la primaria G.Pascoli e Traino, il cui progetto è stato accolto favorevolmente dai genitori degli alunni, che hanno inoltre contribuito alla sua realizzazione.

Leggi anche

Seguici