Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Idee per viaggi di Pasqua: Londra

La capitale britannica vista dal London Eye, con gli “occhi di un bambino”

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

27 Marzo 2013

Pasqua si avvicina, non ci sarebbe più tempo per organizzare un viaggio. Certo affidandosi ai last minute si potrebbe sempre tentare. Se invece ci si accontenta di partire con la fantasia si può cominciare da subito. E allora partiamo per Londra.

Londra è una delle capitali europee più visitate. E’ la più cosmopolita delle città, la più eterogenea per culture, civiltà, modi di vivere. La più all’avanguardia in fatto di tendenze, la più occidentale ma al tempo stesso la più multietnica metropoli d’Europa.

Londra è stata costruita senza piano regolatore, è caotica, sommersa dal traffico, ma sempre affascinante, piena di monumenti e attrazioni per i turisti, facile da girare per i cittadini e i visitatori.

Raggiungere Londra dall’Italia è abbastanza semplice: i collegamenti aerei sono moltissimi e da tutte le città. Londra ha ben cinque aeroporti (Heathrow, Gatwick, Luton, Stansted, City Airport) e molti sono raggiunti da voli dall’Italia. Praticamente tutte le compagnie aeree atterrano in uno degli essi. Possiamo dire che i voli low cost sono stati inventati qui. Le maggiori compagnie aeree low cost sono inglesi: Ryan air e Easy jet su tutte.

Londra è sicuramente una città molto cara, ma con un po’ di organizzazione e guardando bene in internet si riesce a fare una vacanza non eccessivamente costosa.

Gli hotel sono cari, ma esistono su tutto il territorio cittadino catene di alberghi economici dove dormire anche con meno di 100 £ a notte: le catene Ibis, Novotel, Holiday Inn, Travelodge hanno soluzioni convenienti e comode.

Ricordiamo anche che i Bed and Breakfast sono nati in Inghilterra.

Il modo migliore per girare e vedere Londra è con i mezzi pubblici. La metropolitana (Tube) è efficientissima e capillare. Anche gli autobus sono comodi, e soprattutto consentono un “sightseeing” economico e la possibilità di fare una gita sui primi “double deck bus” del mondo: i famosi autobus rossi a due piani simbolo della città ( Il bus 14 ad esempio si prende da Tottenham Court Road o Piccadilly Road e fa un giro molto turistico, passando da Hyde Park, Chelsea, South Kensington e Fulham, Science Museum, Natural History Museum o Victoria and Albert Museum, fino ai grandi magazzini commerciali Harrods).

Ricordate inoltre che se si viaggia con i bambini tutti i mezzi di trasporto sono gratis fino ai 5 anni, e molti lo sono anche fino ai 12.

E sempre per restare in tema di viaggi con famiglia e figli,  le visite da non mancare sono molte.

Per cominciare si possono visitare i musei: Lo Science museum e il Natural History museum (uno dei musei naturali più grandi al mondo) faranno la felicità dei piccoli appassionati di paleontologia. Per adulti e giovani interessati all’arte da non mancare la Tate Gallery (museo di arte moderna), la National Gallery  e il British Museum.

Immancabile il museo delle cere di Madame Tussaud, icona e simbolo Londinese.

Sempre per i più piccoli il London Zoo, il più antico zoo scientifico del mondo e il London Eye, la ruota panoramica costruita per festeggiare il nuovo millennio e divenuta una delle maggiori attrazioni della città.

Impedibili anche alcuni monumenti della città: La Cattedrale di Saint Paul, dove venne celebrato il matrimonio tra Carlo d’Inghilterra e Lady Diana, Backingham Palace, la residenza dei reali e della regnante odierna, la regina Elisabetta II, con il famosissimo cambio della guardia. E ancora il Big Ben, il Parlamento inglese, La Torre di Londra, dove sono conservati i gioielli della corona (la collezione reale di gioielli, monete e vestiti della Corona inglese) e il Tower Bridge.

Una passeggiata è d’obbligo anche ad  Hyde park, il cuore verde di Londra. Ma anche il luogo per gli eventi all’aperto (ci hanno suonato tutti, dai Rolling Stones ai Queen, e il mega concerto Live Aid del 1985 si è tenuto in questo parco). Poi Trafalgar Square, la piazza dell’ammiraglio Nelson ma anche dei giovani che la affollano nelle notti della movida londinese.

L’abbazia di Westminster dove vengono incoronati i regnanti, e, per i nostalgici degli anni ‘60 e anche fino agli ‘80, quando Londra era l’ombelico del mondo (non che adesso non lo sia!) Carnaby street con i suoi negozi trendy, Piccadilly Circus, la piazza più “punk” d’Inghilterra, Covent Garden, per prendere un tè guardando qualche spettacolo teatrale, la City…Insomma non ci si stancherebbe mai di vedere Londra.

Ma se qualcuno è un po’ più pigro, o si viaggia con bimbi, può sempre valere la pena un bel sightseeing che faccia il giro della capitale!

Un’ escursione fuori città è quasi d’obbligo per visitare il villaggio di Greenwich. Un distretto a sud di Londra, famoso per il meridiano che vi passa sopra, e che divide il mondo est dall’ovest. GMT infatti vuol dire Greenwich Mean Time, ed indica il meridiano a longitudine 0, quello che dà l’orario al mondo.

Un ultimo consiglio per chi non volesse lasciare Londra senza aver fatto acquisti: visitate Oxford street, la via dello shopping, oppure perdetevi da Harrods, tra i magazzini più grandi del mondo, dove entri per comperare uno spillo e vai a casa con un elefante.

Che sia Pasqua o un altro periodo, assicuratevi soltanto di una cosa: che in valigia non manchi l’ombrello, perché Londra ha un grande difetto, forse l’unico per i turisti: il clima si sa, non è caraibico.

Non a caso il colore “fumo di Londra” è una sfumatura di grigio, proprio come il cielo sopra la città nella maggior parte dell’anno.

Leggi anche

Seguici