Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Pensare a voce alta: quando il bambino parla da solo

DanielaBrancaccio

di Dott.ssa Daniela Brancaccio

16 Novembre 2010

IL BAMBINO PARLA DA SOLO? NON BISOGNA PREOCCUPARSI

<< I genitori non devono preoccuparsi quando i loro figli parlano da soli, anzi devono incoraggiarli nel far ciò >> , lo dice Adam Winsler, professore associato di psicologia alla George Mason University. I suoi studi recenti dimostrano che i bambini di 5 anni rendono di più dal punto di vista motorio quando parlano da soli ad alta voce ( sia spontaneamente che non) rispetto a quando sono in silenzio.

Parlano durante lo svolgimento delle loro attività quotidiane, dando forma ad un discorso intimo e privato che altro non è se non una speciale finestra sulla loro mente ed il loro mondo interiore e come tale va incoraggiato.

Sebbene Winsler afferma che il discorso privato è molto comune e nella norma nei bambini tra i 2 e i 5 anni, lo studio ha anche dimostrato che se i bambini con problemi comportamentali ( iperattivi) tendono a parlare tra sé e sé più spesso, è possibile che le loro abilità comunicative con il mondo esterno migliorino, perché tale atteggiamento coincide con un periodo del loro sviluppo in cui si forma il linguaggio e non è altro che il sostegno di una fase delicata ma transitoria.

Infine Winsler ha condotto anche il primo studio su bambini autistici riscontrando che essi parlano da soli allo stesso modo dei bimbi non autistici e nella stessa misura di questi ultimi, il che significa che il disturbo che presentano non implica che il loro linguaggi privato sia inferiore o carente rispetto agli altri.

www.sciencedaily.com

Leggi anche

Seguici