Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Bonus bebè 2013: informazioni utili e come ottenerlo

Una circolare Inps conferma le direttive del decreto fornero a favore delle mamme lavoratrici che rinunceranno al congedo parentale

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

03 Aprile 2013

Confermato con circolare Inps del 28 marzo, il decreto Fornero che consente alle mamme lavoratrici di ricevere un contributo a sostegno di asili e baby sitter.

La circolare n. 48 Inps  indica le modalità per potere usufruire di questi contributi:

  • Il contributo sarà elargito sotto forma di voucher per un totale di 1800 euro, fruibili per un importo mensile di 300 euro, o con un’assegnazione unica per la somma totale.

 

  • Il contributo sarà concesso alle mamme lavoratrici che rinunceranno al periodo di congedo parentale.

Il congedo parentale è un permesso richiesto all’Inps e alle aziende da genitori di bambini con età inferiore agli otto anni. Alla madre spetta un’astensione per un periodo continuativo o frazionato non superiore a 6 mesi. Al padre spettano 7 mesi.

  • Il contributo verrà erogato in maniera proporzionale nel caso in cui le mamme lavoratrici fruiscano di orari di lavoro part-time.
  • Il contributo sarà concepito sotto forma di voucher, ovvero buoni lavoro, o, per chi scelga di fruire dei servizi pubblici sul territorio (asili pubblici) o di servizi privati accreditati, l’Inps provvederà direttamente al pagamento alla struttura scelta fino ad un importo di 300 euro mensili, presentando documentazione attestante l’avvenuta prestazione.
  •  Le lavoratrici iscritte alla gestione separata potranno fruire del contributo per tre mesi.

 L’Inps dovrà comunque valutare le richieste pervenute anche in base ai fondi a disposizione.

 La circolare n. 48 Inps del 28 marzo chiarisce i punti della riforma del mercato del lavoro (art. 4, comma 24, lettera b della legge 2012/92), mentre il sistema dei buoni lavoro è regolato dall’ ex art. 72 del D.Lgs. 10 settembre n. 276.

Leggi anche

Seguici