Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Zoo di Napoli: gli animali rischiamo la vita per i fondi bloccati

Alla donazione hanno partecipato associazioni animaliste ma anche aziende agricole . Il cibo basterà per un mese

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

08 Aprile 2013

Le strutture napoletane per il divertimento e l’istruzione sono moltissime, spesso sconosciute e sottovalutate. Dopo la triste ribalta di Città della Scienza un altro simbolo dei bambini napoletani rischia la chiusura: lo zoo.

Lo zoo di Napoli, sorto accanto al parco dei divertimenti Edenlandia ha conosciuto il successo negli anni 70, e da un paio d’anni invece, causa cattiva gestione e soprattutto mancanza di fondi ha rischiato più volte la chiusura. Adesso sembra esserci un progetto che nei prossimi tre anni riporterà la struttura agli antichi splendori, ma per il momento si punta tutto sui volontari.

Proprio in questi giorni infatti gli impiegati dello zoo hanno ricevuto per i loro ospiti una bella sorpresa di Pasqua.

Non un uovo ma una sorpresa ben più gradita a tutti gli animali residenti: tonnellate di cibo per tutti.

Sebbene i 50’000 euro di fondi per la cura e l’alimentazione degli animali continuano ad essere bloccati sono stati i cittadini e i volontari a far commuovere i dipendenti dello zoo.

Domenica scorsa, esponenti di Italia Animalista in Movimento, Animal Food, OIPA e Verdi hanno recapitato questo cibo allo zoo dopo una raccolta nei giorni precedenti.

Il cibo è stato messo a disposizione da alcune ditte e anche lo stoccaggio del cibo è stato curato da alcune aziende agricole che hanno donato le cassette per lo stoccaggio e messo a disposizione finanche i trasportatori.

Il cibo dovrebbe essere sufficiente per un mese, sperando che nel frattempo si riceva la notizia dello sblocco dei fondi.

Un flashmob è stato anche organizzato, che ha coinvolto circa duecento persone.

Leggi anche

Seguici