Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Partorisce in casa da sola: la figlia è in fin di vita

La giovane ventenne aveva nascosto la gravidanza. Provvidenziale l'aiuto della sorella, che ha chiamato il 118

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

10 Aprile 2013

Treviglio (BG). Una giovane donna di 20 anni ha partorito ieri una bambina in casa. Nessuno in famiglia sapeva di questa gravidanza.

La donna era rimasta sola al momento della gravidanza ed ha partorito nella propria camera da letto. La neomamma, in stato di shock, non si è nemmeno accorta che la bambina era caduta dal letto.

Ad accorgersi dell’accaduto la sorella della ventenne appena diventata mamma anche lei:

rientrata a casa ha notato il corpicino, già diventato cianotico. La zia ha messo un dito in bocca alla piccolina, che ha finalmente iniziato a piangere. Aveva il cordone ombelicale strappato.

La donna ha tempestivamente avvertito il 118 che hanno prestato le prime cure a madre e figlia.

Le due sono state poi trasportate all’ospedale di Treviglio. Subito dopo la piccola, in pericolo di vita, è stata trasferita all’ospedale papa Giovanni XXIII di Bergamo.

La polizia di Treviglio è intervenuta per ricostruire l’accaduto.

Dalle prime testimonianze confuse a causa dello stato di shock della ragazza, è emerso che nessuno era a conoscenza della gravidanza, né i genitori della giovane, tanto meno il suo compagno, che aveva lasciato la donna qualche tempo prima.

La neomamma ha partorito nella sua camera, la zia della bambina ha trovato sua sorella sul letto con le lenzuola sporche di sangue. Poi lo sguardo a terra, dove ha notato la piccola immobile.

Grazie alla sua freddezza le ha infilato il dito in bocca liberandola dalla lingua e la bambina a ricominciato a respirare e a piangere.

Leggi anche

Seguici