Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Jack Hoffman bambino malato di cancro: il sogno di un touchdown, video

Una squadra di football americana ha realizzato il sogno di un tifoso: un bambino 7 anni malato di cancro voleva giocare con loro

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

11 Aprile 2013

Bambino malato di cancro gioca a football  Jack Hoffman è un bambino americano di 7 anni. Come ogni suo coetaneo, così come ogni “buon” americano, Jack adora il football ed è un grande tifoso dei Nebraska Cornhuskers.

Purtroppo la vita di questo bambino, seppur ancora agli inizi, si presenta in salita e sta mettendo a dura prova il piccolo e la sua famiglia: Jack infatti sta combattendo da due anni contro il cancro al cervello. Una grande battaglia personale, una lotta che metterebbe a dura prova chiunque, anche il più forte degli uomini ne potrebbe rimanere schiacciato, ma non il piccolo Hoffman.

Supportato non solo dalla sua famiglia, questo coraggioso bambino ha ricevuto l’incitamento e il sostegno dei suoi eroi, i giocatori della sua amata squadra di football che hanno dato vita al suo più grande sogno: realizzare una meta assieme a loro.

Bambino malato di cancro gioca a football  Così, durante un periodo di pausa dal ciclo di chemioterapia, Jack Hoffman è sceso ufficialmente in campo al Memorial Stadium, assieme alla sua squadra, per il Saturday’s spring game. Ad inizio partita, non appena ricevuto il pallone, il piccolo campione ha iniziato a correre seguito da tutti i suoi compagni, ha corso per tutte le 69 yards realizzando così un meraviglioso touchdown.

“Il cancro al cervello pediatrico è una malattia terribile – ha dichiarato il padre del bambino, Andy Hoffman – Jack si è sottoposto a due interventi chirurgici per rimuovere il tumore e a quasi un anno di chemioterapia, troviamo sorprendente che abbia avuto la capacità fisica di correre 69 yards …. È un dono di Dio”.

La famiglia Hoffman è attualmente impegnata con la propria organizzazione no-profit, il “Jack Team Foundation, per raccogliere fondi per la ricerca, affinché si possa trovare al più presto una cura per il cancro al cervello pediatrico.

Leggi anche

Seguici