Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Il lavoro più divertente del mondo: collaudatore di acquapark

Lavorare e divertirsi - Sebastian Smith, 22 anni, ha vinto un concorso indetto da un tour operator britannico. Collauderà piscine e acquapark per il mondo

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

28 Aprile 2013

Qualche tempo fa venne pubblicato sui quotidiani quello che sembrava un concorso a premi in Australia, solo che al posto dei premi il concorso prevedeva un contratto di lavoro per i sei lavori più belli del mondo.

Così recitavano gli articoli, ed era vero. L’ufficio del turismo australiano aveva messo in palio contratti per un anno per i sei lavori, a suo dire più belli: Guardiaparco, Specialista del divertimento, Esploratore dell’Outback, Fotografo trendy, Maestro del gusto e Guardiano di Kangaroo Island.

Tra questi però, a mio avviso, ne manca un settimo, che potrebbe scalare le classifiche dei lavori migliori al mondo. Senz’altro a mio figlio, e a tutti i ragazzini tra i 10 e i 13 anni, un po’ svogliati e figli della playstation, proporre un lavoro così metterebbe voglia di alzarsi la mattina.

Si tratta del collaudatore di acquapark.

Non è una bufala che corre sul web, la notizia è riportata da più testate.

Il fortunato è Sebastian Smith, ha vinto questo contratto di lavoro. Sebastian è studente all’Università di Leeds, 22 anni, e il suo lavoro consisterà nello spostarsi per sei mesi in una serie di resorts tra Grecia Giamaica e Turchia di proprietà del Tour operator britannico First Choice, autore dell’annuncio di lavoro. Dovrà collaudare parchi, acquascivoli e piscine dei resorts.

Il tour operator aveva indetto questo bando chiedendo un video, e Sebastian aveva risposto all’annuncio, come altre duemila persone, con un filmato insolito che evidentemente deve aver fatto breccia nel cuore dei selezionatori.

Adesso Sebastian guadagnerà 13 mila euro per i sei mesi di duro lavoro.

Il suo predecessore, un altro ragazzo inglese dal nome Tommy Linch, lo avverte: “è il lavoro più bello del mondo”. Ci crede anche mio figlio.

 

 

Leggi anche

Seguici