Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

La piccola Emma torna a casa dal suo cane grazie al suo nuovo cuore

La bimba di Pinerolo, aveva ricevuto il suo cane in visita in ospedale. Ieri, dopo 475 giorni, è tornata a casa con un cuore nuovo

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

04 Maggio 2013

Ricordate Emma, la bimba che in ospedale da quasi un anno aveva ricevuto in visita il suo cane Blek? (Per conoscere la storia clicca su: Ospedale visita speciale: la piccola Emma incontra il suo cane).

Emma è una bimba di tre anni e mezzo affetta dalla nascita da una cardiomiopatia dilatativa che si risolve con il trapianto.

Qualche mese fa Emma si rese protagonista di un fatto curioso, allorché ricevette in ospedale la visita di Blek, il suo spinone, che non vedeva da tempo, visto che la sua casa da oltre un anno era diventata una stanza del reparto pediatrico dell’ospedale Regina Margherita di Torino.

Emma è stata poi sottoposta ad un trapianto cardiaco e la sua storia possiamo dire abbia finalmente un lieto fine.

Ieri infatti la piccola, dopo ben 475 giorni di degenza è uscita dall’ospedale per tornare  a casa.

La mamma, tenendola in braccio dice: “E’ contenta di lasciare l’ospedale anche se e’ un po’ frastornata”.

C’è da crederci, visto che la piccola ha passato un terzo della sua vita in una stanza senza potere sentire il vento tra i capelli.

Adesso finalmente potrà godersi il sole, fuori, all’aperto, dall’altro lato delle finestre. Il personale dell’ospedale ha accompagnato Emma all’uscita quasi commosso, dopo tutto questo tempo passato insieme.

Il cardiochirurgo che l’ha operata, Carlo Pace Napoleone commenta:

Emma avrà una vita buona a patto di sottostare a una terapia per pazienti immunodepressi e a qualche piccola attenzione. Dobbiamo ringraziare Emma e Blek  perché da allora c’é stato un aumento della sensibilità sul tema della donazione. Dopo Emma abbiamo salvato anche un bimbo greco di 18 mesi, e una bambina di 12 anni. Ora speriamo che il trend continui”.

Leggi anche

Seguici