Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Sofia curata con le staminali, la mamma posta un video dei progressi su facebook

Cellule Staminali - La piccola Sofia, dopo 40 giorni dall'infusione di staminali migliora, e la mamma posta il video dei movimenti della piccola, prima inesistenti

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

09 Maggio 2013

Sofia curata con le staminali, la mamma posta un video dei progressi su facebookDa tempo ormai giornali e trasmissioni si occupano della storia di Sofia, una bimba affetta da una grave malattia neurodegenerativa che sembra avere dei miglioramenti a seguito di cure a base di cellule staminali messe a punto da una Onlus capitanata dal professor Vannoni.

Ora i genitori di Sofia postano su facebook un video della bambina. Il video vuole dimostrare i miglioramenti della piccola a seguito delle infusioni di cellule staminali. A 40 giorni dall’infusione secondo il metodo Stamina (la Onlus che si occupa di somministrare cure compassionevoli a base di cellule staminali).

La mamma di Sofia, Caterina Ceccuti, afferma: “Sofia ha ricominciato a dormire e a riprendere contatto con il suo corpo, che si era progressivamente irrigidito a causa della malattia. Come si vede nel video, Sofia riesce a muovere arti superiori e inferiori e il riflesso pupillare è migliorato. Presto la porteremo all’ospedale pediatrico Meyer per una visita di controllo. Intanto, aspettiamo di sottoporla alla nuova infusione”.sofia cura staminali

I genitori sostengono che il video pubblicato sul profilo Facebook della mamma valga più di tutte le parole spese in questi giorni per perorare la loro causa.

Loro, e molti altri genitori di bambini nelle condizioni simili alla piccola Sofia temono che la legge sulle cure compassionevoli, messa a punto di recente, venga fermata o modificata, mentre, come spiega Caterina ‘‘Noi chiediamo con forza che sia approvata così come è. Quello messo a punto è un buon testo, chiediamo che non sia stravolto”.

Per vedere il video, appoggiare e conoscere la storia di Sofia, clicca sull’immagine che segue:

Leggi anche

Seguici