Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Il bambino nato ubriaco

Una 24enne incinta ubriaca è stata ricoverata in ospedale. Dopo il cesareo i medici accertano che anche il figlio ha un tasso alcolemico 23 volte superiore concesso ai guidatori

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

20 Maggio 2013

Tomaszow, Polonia. Una neomamma rischia la galera a causa dello stato in cui è stata ritrovata durante la gravidanza.

Sembra infatti che la donna, una 24enne di Tomaszow, sia collassata dentro un negozio di alcolici mentre tentava di comprare dei liquori. La donna è stata immediatamente ricoverata presso l’ospedale cittadino, in quanto oltre ad essere ubriaca era in avanzato stato di gravidanza.

E’ stata poi sottoposta ad un taglio cesareo d’urgenza e i sanitari, dopo aver esaminato il nascituro hanno constatato un tasso alcolico nel sangue del neonato pari a 4.5 g.

In Polonia il limite di tasso alcolemico per guidare è 0.2g, il che significa che il bimbo appena nato aveva superato quel limite, fissato per gli adulti, di 23 volte.

Nato prematuro di due settimane, e sottoposto a questo avvelenamento il piccolo è stato ricoverato nell’unità di terapia intensiva e messo in incubatrice. I medici dell’ospedale hanno affermato che al momento le sue condizioni sono gravi, sembra essere in pericolo di vita.

La polizia al momento ha fermato la madre, ricoverata anche lei e ritrovata con un tasso alcolemico di 2.6g.

Sembra assurdo ma un episodio simile si è verificato sempre in Polonia, nel 2008: appena fuori Varsavia una donna di 38 anni aveva dato alla luce un bimbo con un tasso alcolemico nel sangue di 2.9 g.

Leggi anche

Seguici