Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Elisa e il parto in acqua

La cantante Elisa ringrazia l’equipe medica che le ha consentito effettuare il parto in acqua

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

03 Giugno 2013

Elisa  La cantante Elisa, a differenza di molti altri personaggi più o meno noti, ha vissuto la sua seconda gravidanza in sordina, nonostante la grande visibilità mediatica di cui gode.

Questo ovviamente non vuol dire che la stessa sia rimasta esclusa dal mondo, soprattutto quello che la lega ai suoi numerosi fans, con i quali non ha mai interrotto le comunicazioni grazie soprattutto al social network facebook.

Ed è proprio in rete, attraverso la sua pagina ufficiale, che è possibile apprezzarla in tutta la sua semplicità… e pazzia.

Quale cantante del suo calibro riuscirebbe a far diventare comiche due semplici uova?

elisa

"Uova fotoniche dalla zia di Andrea!!!"

Oppure quante future mamme trasformerebbero il loro pancione in un pagliaccio?

Con un comunicato ufficiale, ma non per questo eccessivamente formale, pubblicato assieme ad una simpatica immagine, lo scorso 20 maggio veniva annunciata la nascita di Sebastian, secondogenito avuto dal compagno Andrea Rigonat, chitarrista della sua band.

elisaIeri, a quasi due settimane dalla nascita, Elisa ringrazia personalmente e pubblicamente, a nome di tutta la sua famiglia, l’intera equipe medica che le ha consentito di effettuare un parto in acqua:

Vorremmo ringraziare tutto il dipartimento materno infantile dell’ospedale San Polo di Monfalcone per averci fatto sentire a casa, prima con Emma Cecile e adesso con Sebastian. È bello vedere come la passione il talento e la dedizione delle persone renda un ospedale un posto caldo, accogliente e rassicurante. In un momento storicamente difficile è bello vedere che alcune cose funzionano comunque, e funzionano bene, grazie al lavoro quotidiano delle persone.. Io ho avuto la fortuna di poter partorire nell’acqua, come sognavo. Sono stata assistita e supportata e allo stesso tempo mi è stato dato lo spazio per ascoltare e sentire il mio corpo, protetta e indisturbata.. Grazie.. Grazie alla mia ostetrica Francesca Demitri, al Dott. Gaetano Panusa, al primario Dott. Attilio D’atri, alla pediatra Teresa Calipa, al primario della pediatria Dana Dragovic, all’ostetrica Noemi Filipaz e a tutte le infermiere e al personale dei reparti. Elisa, Andrea, Emma Cecile, Sebastian.”

Leggi anche

Seguici