Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Genitori maniaci dei videogiochi rinchiudono le figlie in casa per 3 anni, video

Ossessionati dal videogioco, due genitori californiani per tre anni non hanno consentito alle due figlie di uscire di casa lasciandole vivere nella spazzatura

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

04 Giugno 2013

Sequestrano le figlie per 3 anni Due bambine malnutrite con capelli completamente arruffati, denti marci e piedi incrostati dallo sporco presente in casa; servizi igienici mal funzionanti; ragnatele, muffa e feci che ricoprono buona parte degli elettrodomestici e della superficie “abitabile”; preservativi usati gettati tra i giocattoli.

È questo lo scenario al quale hanno assistito lo scorso 20 maggio le forze dell’ordine di Anaheim, città statunitense situata nella contea di Orange, che, allertati da un vicino, hanno effettuato un controllo presso la casa/caravan nella quale abitavano due genitori di 41 anni, Lester e Petra Huffmire, assieme alle figlie di 5 e 10 anni.

Entrambi ossessionati dai videogiochi, in particolar modo da “World of Warcraft”, vi giocavano giorno e notte impedendo alle bambine non soltanto di uscire ma persino di recarsi a scuola. E tutto questo per ben tre anni.

Sequestrano le figlie per 3 anni

Malcurate e malnutrite, le piccole sono state allontanate dai genitori che ora rischiano fino a sette anni di carcere con l’accusa di abuso su minore e di “false imprisonment”, una più leggera forma di sequestro, nello specifico si identifica con il reato di restrizione di libertà personale.

Una storia agghiacciante che sicuramente va ben oltre le più classiche storie di degrado che spesso vengono messe in risalto dai giornali di cronaca. La notizia è stata diffusa dalla NBC e CBS di Los Angeles e riportata sul “Los Angeles Times”.

Per vedere il video della CBS cliccare qui. 

Leggi anche

Seguici