Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Gravidanza: i bambini nel pancione fanno le smorfie

Studio medico inglese attesta che i bambini si allenano nelle espressioni facciali già nel pancione

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

07 Giugno 2013

gravidanza movimenti feto“È di vitale importanza che i bambini siano in grado di mostrare il proprio dolore sin nei primi giorni di vita in modo tale che possano comunicare il loro disagio o dolore ai genitori”.

È quanto dichiarato dalla dottoressa inglese Nadja Reissland alla BBC on-line, una delle autrici che hanno condotto uno studio sulle espressioni facciali del feto realizzato grazie alla collaborazione di due università del Regno Unito.

I team di ricercatori, operanti presso la Durham e la Lancaster University, hanno monitorato 15 donne gravide, 7 attendevano un maschio e le altre 8 una femminuccia, osservando i movimenti del feto attraverso la codificazione, fotogramma per fotogramma, di ecografie in 4D, per un totale di quattro sedute per mamma effettuate nell’arco del secondo e terzo trimestre di gestazione, ossia dalla 24° alla 36° settimana di gravidanza.

gravidanza movimenti del feto

Ecografia in 4D elaborata durante lo studio

L’analisi si è rivolta in particolar modo alle espressioni facciali dei bebè che aumentavano, migliorando,  proporzionalmente con l’avanzare della gravidanza.

gravidanza movimenti del feto“L’obiettivo dell’indagine – ha spiegato la dottoressa Reissland alla Bbc – è comprendere quali espressioni possano essere collegate allo sviluppo normale, in modo da riuscire in futuro a identificare sin dal grembo materno eventuali patologie e problemi del nascituro. Al momento non è ancora chiaro se i feti riescano ad avvertire il dolore né sappiamo se le espressioni facciali si riferiscano alle loro sensazioni”.

La ricerca ha evidenziato che i feti si allenavano maggiormente ad assumere un’espressione facciale legata al dolore e/o alla tristezza. Una tendenza che la dottoressa ha così spiegato:

“L’esercitazione potrebbe essere dettata dal fatto che è di vitale importanza per i bambini essere in grado di mostrare la propria sofferenza appena nati per comunicare qualsiasi disagio o disturbo in tempo”.

L’intera ricerca è stata pubblicata su Plos One.

Leggi anche

Seguici