Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Il bambino nella pancia sente le carezze della mamma già a 7settimane

Già alla 7° settimana il bambino percepisce le carezze della mamma

Federica Federico

di Federica Federico

05 Luglio 2013

gravidanza e carezzeIl nascituro nella pancia della mamma forma il proprio corpo e a mano a mano che cresce affina la sua sensibilità, in questo senso la gestazione sviluppa non solo l’aspetto fisico del bambino ma anche quello emotivo.

Il piccolo che custodisci nella tua pancia è un cucciolo d’uomo che sin dalle primissime settimane di vita avverte le sensazioni che lo raggiungono dall’esterno.

È in questo senso che la madre ed il suo corpo si possono definire come lo strumento che veicola le sensazioni verso il bambino.

A poche settimane di vita il bimbo percepisce il suono del cuore materno, questo orologio ritmato segnerà il tempo che conduce il feto verso la vita extrauterina. Non è un caso che subito dopo la nascita del bimbo le ostetriche (in assenza di problemi o condizioni patologiche che pretendono interventi medici o stretti monitoraggi del bebè) stendano il piccolo sul petto della mamma.

Udendo il cuore della neo mamma il bambino ritrova il suono che più gli è familiare, che lo ha accompagnato sin dal concepimento e mosso dall’istinto, consolato dal profumo materno, il piccoli probabilmente cercherà anche il seno.

gravidanza carezze

Il bambino percepisce le carezze già alla 7° settimana

Se si considera la madre come un tramite di emozioni ed un veicolo di sensazioni portate dal mondo esterno a quello intrauterino, si capisce subito anche perché sia così importante accarezzare e coccolare la pancia.

gravidanza carezze

Il tuo bambino percepisce la carezza che gli fai toccandoti la pancia già ad appena 7 settimane.

Bastano solo 7 settimane perché il bambino benefici e distingua il tocco leggero fatto sulla pancia come una coccola. Quando la mamma si accarezza la pancia (o quando lo fa il papà) da un punto di vista fisico e materiale si realizza un vero e proprio spostamento di liquido amniotico il cui risultato è un’onda che si riverbera dolce sul corpo del piccolo; da un punto di vista emozionale la mamma entra in contatto col piccolo, si rilassa e stabilisce un rapporto di scambio emozionale con la sua creatura.

Le donne incinta dovrebbero concedersi ogni giorno un piccolo spazio di tempo per rilassarsi e “coccolare” la propria pancia, accarezzarla e parlare col bambino che sta per nascere.

gravidanza e carezze

Le donne incinta dovrebbero concedersi ogni giorno un piccolo spazio di tempo per rilassarsi e “coccolare” la propria pancia

Leggi anche

Seguici