Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Cosa far Mangiare ai Bambini Quando fa Caldo

Cosa far mangiare ai bambini in estate? Qualche consiglio per una corretta alimentazione nei più piccoli

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

11 Agosto 2013

Quando in estate fa caldo e il bambino non vuole mangiare, cosa consigliare ai poveri genitori, indecisi sull’insistere o lasciare che il piccolo si autoregoli, salvo poi essere assaliti dai sensi di colpa per averlo lasciato a digiuno?

Quasi tutti i pediatri concordano: soprattutto in estate è bene non insistere e nutrire forzatamente i bimbi.

Piuttosto è consigliato abituare i bambini fin da piccoli a fare dei pasti ad orari, ossia regolare la loro alimentazione concentrando la nutrizione ai cinque canonici pasti (colazione, spuntino, pranzo, merenda, cena).

Qualche trucco per invogliare i bambini a mangiare potrebbe essere invitare gli amichetti la domenica, o promettere un frullato o un gelato a fine pasto.

Un menù estivo poi non deve esimersi dal contenere cibi leggeri e poco grassi, e con due indicazioni principali:

Bere molto e mangiare frutta e verdura gli imperativi per una corretta alimentazione estiva

> Dare molta frutta e verdura di stagione, ricche di vitamine, liquidi e Sali minerali che contrastano l’esposizione al sole

> Bere molta acqua: in estate la sudorazione aumenta il rischio di disidratazione, soprattutto nei più piccoli che “dimenticano” letteralmente di bere.

Offrite loro spesso da bere acqua, e tentate di sostituire il latte, spesso troppo grasso, con del latte di soia o di riso, più leggero e dissetante.

E’ importante poi che i pasti restino leggeri: date ai piccoli i frullati, le macedonie, la frutta o lo yogurt. Bene ancora sostituire gli insaccati con ricotta o pomodori per farcire i panini, molto più adatti alla stagione calda.

Preferire inoltre i piatti unici. In estate un piatto fresco che racchiuda i nutrimenti di un pasto completo sono ideali, per la gola e per il benessere fisico: insalate di pasta o di cereali in chicchi, legumi, insalate arricchite con uova o pesce, ricche di proteine e fibre e così via.

Abbondate anche con il pesce, che apporta non solo proteine, ma anche fosforo e omega 3.

Variate il menù anche a seconda della destinazione della vostra villeggiatura: se scegliete il mare piuttosto che la montagna adattate i vostri menù alla tipologia di vacanza.

Per una giornata all’insegna del mare e dei giochi d’acqua preferite un pasto a base di frutta, verdura e tanta acqua, così da potersi permettere anche un bagno subito dopo mangiato, cosa sconsigliata invece se si è fatto un pranzo troppo pesante.

In montagna invece, soprattutto durante le passeggiate, fate scorta di snack, frutta estiva acidula per stimolare la salivazione e cioccolato fondente. Evitate cibi che possano alterarsi facilmente come salumi e preferite cibi nutrienti come uova sode o formaggi duri come il parmigiano.

Leggi anche

Seguici