Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Donna Muore Dopo il Parto: Ospedali Pieni e Elicottero Guasto

Un caso di malasanità in Sicilia: una donna muore poco dopo aver partorito. Aperta un’inchiesta

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

06 Agosto 2013

malasanitàLa notizia è stata battuta dall’Ansa stamattina, i fatti risalgono a questa notte: una donna siciliana muore poco dopo aver subito un taglio cesareo per mancanza di posti in ospedale e per un guasto all’elisoccorso.

Giunta al termine della gravidanza, Antonina Seminara, 40enne originaria di Gangi, città della provincia di Palermo, è stata ricoverata durante la notte presso l’ospedale di Nicosia, nella provincia di Enna.

Nonostante i medici le abbiano praticato un taglio cesareo d’urgenza, il bambino non ce l’ha fatta a sopravvivere.

malasanitàPer la donna è stato poi disposto il ricovero in rianimazione ma né nell’ospedale di Enna né in quello di Caltanissetta vi erano posti liberi in reparto.

Il personale medico ha così provveduto a richiedere il trasporto immediato, con l’ausilio dell’elisoccorso, presso il nosocomio di Sciacca, unica struttura ad offrire disponibilità.

L’attesa si è però protratta per due ore, al seguito delle quali è stato comunicato alla famiglia Seminara che l’elicottero era impossibilitato a partire in seguito ad un guasto. Soltanto dopo l’intervento dei carabinieri, che hanno sollecitato i medici nell’effettuare la richiesta di un altro mezzo proveniente da Palermo, la donna è riuscita a raggiungere l’ospedale di Sciacca (Ag), dove è deceduta poco dopo il suo arrivo.

I familiari  hanno denunciato i fatti ai carabinieri mentre la procura di Nicosia ha aperto un’inchiesta per accertare eventuali colpe e responsabilità.

Ecco quanto dichiarato circa l’accaduto da Lucia Borsellino, assessore alla salute della Regione Sicilia:

“Occorre accertare tutte le responsabilità e verificare se ci sono stati ritardi o errori imputabili ai servizi o alle strutture sanitarie siciliane. Sta di fatto che questa tragica vicenda ci invita tutti a riflettere, ancora una volta, sull’importanza dei punti nascita soprattutto nelle aree marginali della Sicilia distanti dalle grandi strutture ospedaliere”.

 

Leggi anche

Seguici