Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Spese per la Scuola, Ecco Come Risparmiare

Con qualche suggerimento si può risparmiare ed evitare sprechi

Gioela Saga

di Gioela Saga

29 Agosto 2013

come risparmiare sul materiale scolasticoIl nuovo anno scolastico è alle porte e con la crisi economica ancora in atto molte famiglie devono riuscire a gestire economicamente le spese da sostenere per la scuola dei propri figli che, se poi non sono neppure figli unici, iniziano ad incidere non poco sul budget familiare.

Soprattutto all’inizio dell’anno, le spese sono più consistenti perché si devono affrontare tutte insieme, ecco allora da mamma a mamma, qualche utile consiglio che ognuno di voi potrà valutare e prendere in considerazione per rendere meno difficile il tutto. A volte sono consigli pratici, altre volte si tratta di constatazioni che riguardano la forma mentis del genitore più di quella del bambino.

ZAINO

Smettiamo di pensare che sia necessario cambiarlo ogni anno o averlo con tutti gli optional del momento.

A volte lo zaino dell’anno precedente è ancora in ottime condizioni o quello del fratello più grande, che magari è ben conservato e può affrontare ancora qualche battaglia con assoluta dignità. Se dovete prenderlo nuovo, che sia di buona marca più che con un bel personaggio, resisterà di più al tempo e alle mode e spesso potrà essere utilizzato anche per due cicli consecutivi (primaria+ secondaria o secondaria+superiori).

Alcuni optional che rendono lo zaino più caro sono spesso inutili o controproducenti, come lettori mp3 che poi non si possono portare a scuola o trolley che rendono lo zaino molto più pesante e poco pratico, quasi impossibile da portare sulle scale, ad esempio.

come risparmiare sul materiale scolastico

ASTUCCIO

Fate una prova: aprite un astuccio tra i più cari che trovate, io ne ho visti anche fino a 40 euro, e uno del prezzo base di 10 euro. Spesso il materiale dentro è tanto identico per tipo e marca, da non riconoscerli davvero più. Fate i vostri conti.

Se l’astuccio dell’anno prima è ancora in buone condizioni, vale lo stesso discorso dello zaino, potete eventualmente sostituire alcuni colori malridotti o mancanti, senza necessariamente sostituire tutto l’astuccio. Alcune cartolerie vendono anche matite sfuse!

Sia per l’astuccio che per lo zaino, a volte basta una bella lavata e tornano davvero come nuovi. Per quanto riguarda medie e superiori potete senz’altro utilizzare astucci meno cari, tipo trousse, a tubo o sacca, ad unico scomparto.

DIARIO

Anche in questo caso, non rimanete troppo vittime di personaggi o marche. Il diario deve essere spazioso e servire al suo scopo, i bambini e i ragazzi sapranno bene come personalizzarlo adeguatamente!

come risparmiare sul materiale scolasticoGREMBIULI

Non fermatevi ai primi che vedete, ci sono tantissimi prezzi molto vari in giro, date un’occhiata anche ai mercati. La cosa migliore è acquistare quando ci sono offerte che prevedono l’acquisto di due capi insieme, spesso costano quasi la metà. Invece che fiondarvi sul disegno più bello, se trovate quelli senza nessuna applicazione, il prezzo diventa irrisorio e potete magari sbizzarrirvi, poi con il bambino, a trovare l’applicazione in tessuto del suo personaggio preferito da poter facilmente attaccare a caldo, sulla tasca o sul petto, del grembiulino. Risparmierete comunque parecchio e avrete un grembiulino personalizzato.

LIBRI

Per le scuole medie, organizzatevi per tempo, attraverso conoscenze di bambini più grandi che abbiano frequentato la stessa classe o negozi che vendono libri usati. In questo caso, accertatevi sempre che ci siano tutti i fascicoli e compendi che spesso accompagnano un libro, e anche gli eventuali cd.

Molte grandi catene di supermercati forniscono un servizio di acquisto libri su prenotazione, a fronte del quale, rilasciano buoni sconto spendibili nei reparti alimentari che arrivano fino al 20% dell’acquista fatto, non male!

Alcune scuole prevedono un servizio di comodato d’uso per i libri che possono aiutare di moto le famiglie.

come risparmiare sul materiale scolasticoQUADERNI

In base alla classe frequentata potete acquistare il tipo di quadernone a righe o a quadretti che verrà usato. Acquistare i pacchi da 5 o 10 quaderni è senz’altro la scelta più economica rispetto all’acquisto singolo. Tanto non saranno mai abbastanza. Anche per le colle a stick e altro materiale è possibile comprare pacchi multipli dove è garantito un risparmio.

MERENDA

Anche se non può propriamente andare sotto il nome di “materiale scolastico”, la merenda quotidiana sarà un aspetto importante che non inciderà poco sul bilancio se non oculatamente programmata. Senza addentrarci sugli aspetti nutrizionali, che non sono comunque da sottovalutare ma sono certa conoscete bene, il consiglio è senz’altro quello di optare per una merenda “casalinga” e volendo anche frugale.

Il bambino, o il ragazzino che sia, non ha bisogno di ingolfarsi e fare un pranzo alle 10 del mattino, ha solo bisogno di spezzare con un piccolo spuntino che non lo appesantisca.

Ottimo un panino piccolo o mezzo con marmellata fatta in casa o prosciutto cotto a seconda dei gusti, oppure un pacchetto di crackers, o un contenitore in plastica con coperchio dove potrete mettergli una manciata di patatine o dei tarallucci o dei cubetti di mortadella, delle scaglie di grana o, nella migliore delle ipotesi, anche una frutta o uno yogurt con cucchiaino.

come risparmiare sul materiale scolasticoUtile anche chiedere al proprio comune di residenza, o alla scuola, la possibilità di accedere ai buoni dote scuola, per reddito o per merito, che possono essere poi spesi in materiale scolastico.

Non dimenticate che il servizio mensa e scuolabus non sono obbligatori e se vi è possibile organizzarvi, magari anche tra mamme, potete risparmiare ulteriormente sui costi.

Insomma, a volte basta sfatare dei miti o dei diktat imposti inconsciamente dal consumismo dilagante, siamo noi genitori in fondo che creiamo la coscienza dei nostri figli e il mondo a venire. I nostri figli non si sentiranno dei “disagiati” se facciamo loro capire che, anche se non ci sono problemi economici, lo spreco è un vero problema.

Leggi anche

Seguici