Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Diabete Infantile: Disney Aiuta i Bambini con un Fumetto

Disney spiega il diabete ai bambini. Campagna di sensibilizzazione per i più piccoli

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

28 Settembre 2013

Oggi, sabato 28 settembre, a Palazzo Giureconsulti, in Piazza mercanti verrà presentato un progetto nato dalla collaborazione di Disney con Eli Lilly e le associazioni che si occupano di diabete in Italia.

Scopo del progetto presentare un fumetto della Disney con i protagonisti di sempre quali Pippo e Topolino che, insieme ad una scimmietta Coco aiutano a spiegare ai bambini il diabete.

La campagna è stata già lanciata con successo nei paesi anglosassoni, e fino a novembre farà il giro del nostro paese, per sensibilizzare e far comprendere ai più piccoli la malattia e le implicazioni di questa nella vita di tutti i giorni.

Essendo fumetto ovviamente il linguaggio è facile ed immediato, ed avvicina i più piccoli alla conoscenza del diabete, spiegando come anche chi ne è affetto può condurre una vita normale, fare sport e divertirsi.

Gli organizzatori dell’evento affermano:  «E’ fondamentale investire nell’informazione, esattamente quello che hanno fatto Lilly e Disney con questa iniziativa».

Il diabete infantile infatti viene spesso vissuto dai genitori come un ostacolo insormontabile alla vita dei figli.

Scopo di questa iniziativa è spiegare invece come potrebbe essere gestita la routine di un bambino con il diabete che debba andare a scuola, in gita, a fare sport, proprio come tutti gli altri.

I primi a dovere essere demoliti però devono essere i pregiudizi: il fumetto mira infatti a superare certi luoghi comuni e certe “discriminazioni”, per dare la giusta gioia anche a chi viene colpito da patologie, che se appropriatamente gestite non influiscono pesantemente sulla qualità della vita.

L’iniziativa promossa da Eli Lilly, Disney e la SIEDP (Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica) proseguirà dopo Milano, con altre tappe, da Firenze a Napoli, Catania e Bari, fino al 28 novembre.

Leggi anche

Seguici