Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Le Immagini Straordinarie di un Parto in Casa

Le foto eccezionali che documentano un parto in casa. La fotografa Jackie Dives con le sue immagini vorrebbe dimostrare alle donne a basso rischio che partorire in casa è un'esperienza meravigliosa

di Fabiana Cipro

27 Ottobre 2013

Per una donna, non c’è nulla di più sacro del momento in cui partorisce. Jackie Dives, che negli ultimi tre anni ha svolto l’attività di doula (figura assistenziale non medica e non sanitaria che si occupa del supporto alla donna durante tutto il percorso perinatale, dalla gravidanza al post-partum), si è specializzata nel fotografare le famiglie che sono interessate a documentare l’esperienza della nascita. “Troppo spesso, la nascita viene raccontata come un evento spaventoso e temuto nella vita di una donna“, ha detto la 29enne al MailOnline. “Fotografo e sono testimone di meravigliose nascite, e penso che le immagini dovrebbero essere condivise al fine di demistificare l’esperienza“.

Recentemente, la Dives ha scattato una serie di fotografie che hanno raccolto il plauso per la loro bellezza e documentazione ‘intensa’ di un parto in casa. In una delle prime immagini, Julia Marincat, la donna che di li a poco diventerà mamma, suona il pianoforte mentre la sorella le massaggia la schiena. La serie continua con Julia che entra in una piscina predisposta alla nascita e viene immortalata insieme al marito, Cris, che la aiuta a respirare profondamente. Altre due sorelle si uniscono poi ai neo genitori per vivere insieme i primi momenti di vita di Katherine, la bimba venuta al mondo.

Quando sono arrivata in questa casa Julia suonava il pianoforte. L’atmosfera era tranquilla, con le candele accese e musica soft in sottofondo. La mamma era circondata da amore. Il suo partner e due delle sue sorelle erano lì, a prendersi cura di lei“, scrive la Dives sul suo blog. 

Le donne che decidono di partorire in casa, sono in genere molto tranquille, scelgono esattamente chi vogliono che sia presente, possono essere se stesse, che a mio avviso è una fase molto importante del parto. Vedere e immortalare un bimbo che viene al mondo è molto speciale, ed essere invitata a documentare quel momento, è l’apice della fotografia documentaria per me. Di solito, quando sto fotografando un parto sono anche molto coinvolta nell’esperienza

Nel 2010, da quando è stata introdotta la figura della doula, la signora Dives è entrata nel regno del parto e ha voluto farne una professione. Ha frequentato un corso di formazione ed è entrata a far parte della Doula Services Association, dove ha subito iniziato a lavorare come volontaria per le madri single e le coppie che si erano appena trasferite a Vancouver, Canada, e non avevano il sostegno della famiglia. Nelle vesti di doula, la Dives assiste una donna e il suo partner, prima, durante e dopo il parto, fornendo informazioni, assistenza fisica e sostegno emotivo. Offre anche tecniche di massaggio e di rilassamento.

Tre anni fa, quando ho iniziato questo lavoro, non avevo necessariamente paura del parto, ma ero sicuramente molto consapevole delle enormi possibilità che le donne hanno per quanto riguarda il come, dove e con chi scegliere di condividere la nascita. Non tutte le donne sono al corrente di queste possibilità, semplicemente perché non se ne parla molto. Spero che le mie immagini mostrino alle donne che ci sono altre opzioni per quanto riguarda il parto“.

Jackie Dives ha fotografato le nascite a casa sin dal primo parto a cui ha assistito come doula, quando la madre le chiese di fare un po’ di scatti da tenere come ricordo.

Uno giorno o due giorni dopo che ho postato le immagini sul mio blog ho ricevuto una mail che diceva ‘Non sono incinta al momento né ho intenzione di rimanere incinta presto, ma ora so che quando arriverà la fase del travaglio, un giorno, non ci sarà nulla di cui aver paura. Grazie un milione!’. Praticamente riassume perché penso che sia importante condividere le immagini che raccontano la nascita positivamente“.

La Dives dice che spera che le sue immagini abbiano una certa risonanza tra le donne, mostrano loro che il parto in casa ‘non è una scelta selvaggia e pericolosa’. “Forse questo incoraggerà coloro che sono curiose di sapere come sia il parto in casa e fanno ricerche. Potrebbero scoprire che il loro scetticismo verrà smentito dalle statistiche che dimostrano come partorire in casa sia sicuro come farlo in ospedale per le donne a basso rischio“.

Nel caso della signora Marincat, la possibilità di partorire in casa è stata portata avanti da sua sorella. Dopo l’incontro con una doula e facendo un sacco di ricerche, l’idea è diventata realtà. “In un primo momento, diverse persone l’hanno messa in guardia contro il parto in casa, elencando molti pericoli. Ma loro hanno amato l’idea di una nascita senza l’aiuto dell’epidurale o l’intervento di un medico, – ha concluso la Dives. “Si sono sentiti tranquilli per il fatto che c’erano due ostetriche molto preparate, e una doula vicino a loro“.

Foto e fonte Daily Mail

Leggi anche

Seguici