Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Delfino Neonato (Quasi) Salvato dall’Uomo: le Foto che Emozionano e Fanno Riflettere

Federica Federico

di Federica Federico

01 Novembre 2013

Delfino Neonato (Quasi) Salvato dall'Uomo: le Foto che Emozionano e Fanno Riflettere

Il rapporto tra  uomo e natura non  sempre è un rapporto complice; spesso l’essere umano trascura l’importanza dell’interazione pacifica ed operosa con la natura e, in dispregio degli equilibri dell’ecosistema, tende a sfruttare gli animali e le energie naturali.

Non sempre le ferite che l’uomo imprime alla natura provengono da gesti eclatanti e quasi mai sono il risultato di sacrifici inevitabili, spesso l’uomo agisce contro la natura con imperdonabile superficialità e non curanza.

I fondali marini, per esempio, sono troppo spesso depredati. Storicamente l’uomo li ha usati ma raramente ha saputo valutarli per ciò che sono: ovvero una risorsa esauribile.

Del mare (di tutti i mari del mondo) assai poco frequentemente è stata soppesata e valutata la delicatezza e la fragilità. Ecco perché in molti mari pescosi le reti d’improvviso si sono svuotate; ecco spiegata l’inattesa estinzione dei coralli; ed è, allo stesso modo, così spiegabile anche il mistero dell’inquinamento.

Delfino Neonato (Quasi) Salvato dall'Uomo: le Foto che Emozionano e Fanno Riflettere

Per esempio, hai mai considerato che  che basta una comune rete da pesca per catturare e condannare a morte un delfino?

Molti delfini del mondo muoiono a causa della selvaggia cattura nelle reti da pesca.

Sulle costa dell’Uruguay negli anni si sono “sedimentati” i cadaveri di molti delfini, tanti poi sono stati i neonati orfani delle reti e in molti hanno perso la vita dopo aver perduto la mamma.

Eppure i grandi cetacei sono l’oro del mare, i giganti delle azzurre acque capaci di straordinarie acrobazie, intelligenti e, come nel caso dei delfini, persino amici dell’uomo.

Delfino Neonato (Quasi) Salvato dall'Uomo: le Foto che Emozionano e Fanno Riflettere

Proprio sulle coste dell’Uruguay opera il centro SOS animali marini, unità operativa di salvataggio di Piriapolis.

QDelfino Neonato (Quasi) Salvato dall'Uomo: le Foto che Emozionano e Fanno Riflettereuesto centro è nato con l’obiettivo di salvare i delfini spiaggiati e quelli orfani delle reti, nonché i neonati perduti.

Considerati i 4.000 km di costa che collegano Brasile, Uruguay e Argentina, secondo stime statistiche almeno 1.500 delfini adulti finirebbero ogni anno nelle reti da pesca.

Questa moria evitabile di delfini ha fatto riflettere le autorità mondiali preposte alla tutela dell’ambiente e dell’ecosistema, come ha fatto riflettere la spietata pratica della caccia ai delfini (Le foto choc della caccia ai delfini).

L’obiettivo di un mondo civile dovrebbe essere il rispetto completo e complessivo s.o.s. delfinidella natura intesa come struttura complessa in cui tutto deve coesistere convivere e sopravvivere.

Non dovrebbe esistere una lista rossa internazionale di specie a rischio. Non dovrebbe esistere perché la natura è nata per accogliere tutti i suoi elementi in un’armonia totalizzante.

È dello scorso settembre la notizia che il Parlamento dell’Uruguay avrebbe approvato una legge volta alla salvaguardia dei cetacei che abitano le acque territoriali del paese: i mari uruguaiani dovrebbero divenire area riservata a “santuario” delle balene e dei delfini.

Ciò non esonera l’uomo da una più profonda riflessione sul rispetto dell’ambiente.

Internet e i social network sono divenuti il libro di storia dell’umanità e di tanto in tanto aiutano a rispolverare vecchie memorie storiche, emozionanti ed umane.

Su Facebook è tornata a circolare la foto di un delfino neonato recuperato a Montevideo, in Uruguay.

Ecco le immagini:

delfino neonato recuperato a Montevideo, in Uruguay

delfino neonato recuperato a Montevideo, in Uruguay

delfino neonato recuperato a Montevideo, in Uruguay

Il cucciolo di delfino è l’esempio reale e emblematico di quel che si dice essere un cetaceo “orfano delle reti”.

Le immagini sono di repertorio poiché risalgono al novembre del 2010 (chi le spaccia per recenti commette un errore).

Il delfino, che i soccorritori tentarono in ogni modo di strappare alla morte, al momento del ritrovamento aveva pochi giorni di vita. Le foto delle amorose cure che seguirono al salvataggio del piccolissimo cetaceo hanno fatto il giro del mondo.

Purtroppo però questa storia ha un finale amaro: il cucciolo morì 12 giorni dopo il suo ritrovamento.

Guardate il piccolo delfino e amate la natura con la stessa emozione che istintivamente suscita l’immagine di questo cucciolo indifeso.

Piriapolis sos animali

Leggi anche

Seguici