Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Matrimoni Gay: Ecco Cosa ne Pensano i Bambini (Video Virale)

Cosa pensano i bambini dei matrimoni gay? Lo hanno detto chiaramente su Youtube!

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

09 Novembre 2013

C’è un programma su Youtube intitolato Kids react to, e si occupa di riportare, in totale libertà le espressioni, i pensieri e le reazioni dei bambini a degli interrogativi e delle questioni, per così dire “da grandi”.

Una di queste “puntate” è un video, che dura una quindicina di minuti, nel quale 13 bambini sono stati interrogati sulla questione dei matrimoni gay.

Il filmato, realizzato dal canale youtube “TheFineBros”  ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni, ed è diventato virale in pochissimo.

Ai bambini in questione, di età dai 5 ai 13 anni è stato prima mostrato un video. Il video riprendeva due richieste di matrimonio, una prima da parte di un uomo ad un altro uomo, poi una donna che chiedeva in sposa un’altra donna.

Le immagini viste dai bambini erano anche divertenti: il primo uomo organizzava una sorta di flash mob ballato per chiedere in sposo il fidanzato, la donna invece tentava una serenata al balcone della sua amata, con finale in ginocchio e con anello, come da più classica delle proposte

Ma l’inquadratura principale era puntata sui visi dei bambini, che assistevano a queste scene, davanti ad un monitor.

Uno dei bambini intervistati sui matrimoni gay

E infatti scopo del filmato era captare le reazioni dei più piccoli alla visione dell’amore omosessuale.

E ovviamente, il risultato è stato straordinario.

Le opinioni dei bambini possono insegnare molto, spesso sono indirizzate dalla famiglia, dall’humus nel quale vivono, ma certamente sono prive di sovrastrutture sociali, da condizionamenti culturali, o senz’altro molto meno che negli adulti.

Dopo la visione del video è scattato il “Question Time”, ovvero ai 13 bambini sono state poste alcune domande sui matrimoni gay, su cosa ne pensassero loro.

Il commento lo lascio a voi, le risposte sono più esaustive di ogni mia considerazione.

Un bambino, il più piccolo di 5 anni, ha sostenuto di avere paura di quello che aveva visto, alla domanda “Perché?”, lui ha risposto “Non lo so” (Tutto quello che non si conosce fa paura, e non si sa perchè, ndr).

E poi ancora:

Domanda: Sapete che in America soltanto 14 Stati hanno autorizzato le nozze gay?

Risposte:

“L’amore è libertà”

“Parlerò col presidente”

“Potrebbero spostarsi in un altro stato, certo da qualche parte ci sono i tornado, però potrebbero sposarsi…”

“Se si proibisce il matrimonio tra uomo e uomo, allora perché non tra bianchi e neri?”

D.: cosa ne pensate delle unioni gay?

R.:“Non farti condizionare da quello che dicono gli altri”

“E’ strano ma è bello”

D.: Sapete che in alcuni paesi un gay può essere condannato a morte?

R.: “Non puoi uccidere un uomo solo perché gli piace qualcuno del suo stesso sesso”

D.: Se un tuo amico è gay cosa ne pensi?

“Se è amico è amico”

“Anche se è strano, non può comportarsi diversamente con te solo perché è gay”

D.:Molti dicono che non è naturale perché i gay non possono avere figli

R.:“Li adotteranno”

“Molti decidono di volerne, altri di non volerne, e allora?”

“Non sono sintetici, non è qualcosa di chimico, allora è naturale!”

Alcuni sostengono che per motivi religiosi i gay non possono essere accettati

“Io sono cristiana, ma per me va bene!”

“Dio ama tutti, e per fortuna non odia nessuno”

In alcuni stati i gay godono degli stessi diritti delle coppie sposate ma non possono contrarre matrimonio

“Che senso ha?”

Alla richiesta finale di fare una considerazione sui gay hanno risposto così

“Sono tua amica”

“Non pensare a quello che dicono gli altri, pensa a come sei tu”

“Se qualcuno non ti accetta vuol dire che non è tuo amico”

“Avete tutto il mio supporto”

Il nostro futuro è in buone mani.

 

Leggi anche

Seguici