Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Mangiare: cosa fare quando manca l’appetito? Rimedi naturali

Simona

di Mamma Simona

11 Gennaio 2011

Può capitare di manifestare dei disturbi, dei disagi fisici, che possono essere campanello di allarme di malattie o più semplicemente di stress.
Senza trascurare i doverosi approfondimenti medici, a volte è possibile ricorrere all’uso delle piante che ci vengono in aiuto per alleviare piccoli malesseri.

Il nostro corpo ci comunica attraverso piccoli segnali che si è venuto a scompensare l’equilibrio armonico che ci permette di stare bene e sentirci sereni, perché dunque non accogliere questi segnali, interpretarli e aiutarci a ritrovare la normale vitalità?

APPETITO

In periodi di particolare stress emotivo e fisico, possiamo soffrire un pò di inappetenza. Per stimolare l’appetito possiamo ricorrere ad alcuni rimedi:

  • Tintura di cardo santo:

-far macerare 20 gr di fiori di cardo in 150 grammi di alcool 70° per 20 giorni
-filtrare, mettere in una bottiglia il liquido ottenuto e bere 20 gocce prima dei pasti

  • Infuso di Genziana:

-far macerare per una notte 5 gr di radice secca di genziana in un bicchiere di acqua fredda. Bere il liquido prima dei pasti il giorno seguente.

  • Infuso di Santoreggia:

-in mezzo litro di acqua bollente, immergere 15 grammi di pianta Santoreggia secca e berne 2 tazze al giorno.

  • E’ possibile usare delle erbe come condimenti per stimolare l’appetito. Le più appropriate sono: il Dragoncello, le foglie di finocchio marino una volta che vengano lasciate macerare nel sale, i frutti di Crespino fatti macerare prima nell’aceto.

Fonte: “Medicina verde,usi curativi delle erbe” di elena Baroncini, edizione Mariotti

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Il ricorso alle medicine naturali ed alle cure omeopatiche rappresenta per certi aspetti l’adesione ad una sana filosofia di vita. Ma è indispensabile ricordare che l’uso delle erbe e dei “poteri benefici” della natura non si impara banalmente leggendo e documentandosi, per quanto queste attività siano importanti, restano comunque divulgative. Perciò prima di assumere qualunque erba fate ricorso al parere di farmacisti, erboristi e dottori omeopati competenti, esperti e professionalizzati. Solo ricorrendo allo specialista potrete essere sicuri di adoperare nel giusto modo il rimedio naturale e quindi di avvantaggiarvi positivamente di esso!
Un uso scorretto delle erbe può nuocere alla salute, ricordatelo sempre.

Leggi anche

Seguici