Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Il Piccolo Giosué de La vita è Bella è Cresciuto, Ecco Com’è Oggi

Ecco com'è oggi e cosa sta facendo.

di Manuela Saccucci

09 Dicembre 2013

Com'era Giorgio Cantarini (Giosuè) ne La vita è bella

Chi non ricorda i suoi occhioni nel film La vita è bella?

Giorgio Cantarini da piccoloImpossibile dimenticarli, come è impossibile dimenticare l’interpretazione magistrale di Benigni e il soggetto del film capolavoro che ha ottenuto, con ogni merito possibile, il Premio Oscar nel 1999.

Giorgio Cantarini, nato il 12 aprile 1992 in quel di Orvieto, fa il suo debutto proprio in questo film, a soli 5 anni. Il suo viso fa presto il giro del mondo,  incarnando l’innocenza che è stata schiacciata dal terribile orrore dell’olocausto.

il piccolo Giosué ne La vita è bellaIl suo connubio con il papà, il suo candore e forse il suo voler credere al padre, seppur con tanti dubbi, quasi per non fargli dispiacere e continuare, nonostante tutto, a giocare in un lager, fingendo che sia tutto finto… e alla fine pensare di avere vinto, essere arrivato al traguardo, riabbracciando la mamma Dora, la “principessa”, mentre il padre Guido-Benigni viene barbaramente ucciso.

Una storia che definire toccante e drammatica è riduttivo e al cui successo Giorgio ha senz’altro contribuito con la sua freschezza e schiettezza.

L’interpretazione del piccolo Giorgio-Giosué Orefici nel film gli vale il riconoscimento come giovane attore (Young Artist Reward). C’è sempre molto da dire quando in un film è presente un bambino ma Giorgio porta con sé un’atmosfera di naturalezza che non si può negargli!

In seguito, ha un ruolo ne Il Gladiatore (2000) come figlio del generale Maximus. Nel 2005 greggia a Ballando con le stelle. Si diploma poi al liceo classico di Viterbo e studia presso il Centro Sperimentale di Cinematografia. Solo qualche altra piccola parte per lui successivamente, tra cui la partecipazione ad un episodio di Distretto di polizia nel 2010.

Oggi è un ragazzo di 21 anni che ha ancora molto da dire e da fare e che spera di poter contribuire ancora al mondo della cinematografia, anche come sceneggiatore.

Com'è diventato Giorgio Cantarini

In bocca al lupo caro Giorgio, per noi sarai sempre il bimbo che tutti vorremmo abbracciare!

Stanco ma circondato da bellezza #ilgiardinodeitarocchi #giardinodeitarocchi #tarotgarden

Un post condiviso da Giorgio Cantarini (@giorgiocantarini) in data:

Leggi anche

Seguici