Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Capodanno, Tradizioni e Superstizioni

Cosa fare e non fare l’ultima notte dell’anno

Licia

di Mamma Licia

31 Dicembre 2013

Come ogni festività che si rispetti, anche il Capodanno porta con sé tradizioni, superstizioni e riti propiziatori ben radicati nei secoli. Il Capodanno è inoltre considerato un giorno di transizione, la notte che potrà determinare la nostra serenità e fortuna nell’anno che verrà.

Ecco quali sono i curiosi rituali scaramantici che si tramandano da anni e che “servirebbero” a garantire fortuna e prosperità per il nuovo anno

Il bacio della mezzanotte

La tradizione del bacio a mezzanotte è legata ad una antica superstizione, secondo la quale, la mancanza di un bacio allo scoccare della mezzanotte dell’ultima notte dell’anno, condannerà ad una solitudine affettiva per il resto del nuovo anno.

Il vischio

Nella notte di Capodanno si appende un rametto di vischio sulle porte per allontanare gli spiriti maligni da casa.

Le lenticchie e il cibo di Capodanno

Consumare lenticchie la notte di Capodanno attirerebbe la buona sorte e porterebbe fortuna per l’anno che verrà. Il rito vuole che più lenticchie si consumano maggiore sarà la fortuna acquisita ed il denaro che porterà il nuovo anno. Lo stesso vale per uva: andrebbero ingoiati velocemente 12 acini (simbolo di fecondità e ricchezza) esprimendo tre desideri.

Anche la frutta secca è simbolo di prosperità. La tradizione vuole che siano presenti 7 tipi diversi: noci, nocciole, arachidi, zibibbo, mandorle, fichi, datteri.
Ci sono anche delle pietanze che non andrebbero mangiate, cioè il pollo e il tacchino, perché mangiare pollame a Capodanno  porterebbe sfortuna.

Abiti nuovi

Si dice che chi non indossa abiti nuovi a Capodanno resterà senza nuove vesti per tutto il nuovo anno. Basta indossare qualcosa di nuovo, anche un  paio di calze. È importante però non indossarlo la sera del 31, ma la mattina dell’1.

Abiti rossi

Indossare un intimo di color rosso la sera di Capodanno porterebbe fortuna per il nuovo anno. Pare che questa tradizione risalga ai tempi degli antichi Romani, i quali erano soliti indossare vesti rosse per esorcizzare la paura ed esaltare la propria forza di fronte ai nemici.

Caos di mezzanotte

Allo scoccare della mezzanotte suonano le trombe, la musica è ad alto volume, i fuochi d’artificio illuminano il buio e si stappa lo spumante o un vino frizzante. Perché? Pare che questo gran chiasso spaventi gli spiriti maligni e li tenga lontani.

Oggetti vecchi

In alcune zone soprattutto del centro sud vige la tradizione di gettare oggetti vecchi dalla finestra per liberarsi dei brutti ricordi e delle preoccupazioni che hanno accompagnano il vecchio anno e per auspicarsi fortuna.

Concludiamo questa carrellata di superstizioni e riti propiziatori con il famoso proverbio: Quello che fai a Capodanno, lo fai tutto l’anno”.

 

Leggi anche

Seguici