Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

10 Cose da Fare per Essere Felici Tutto l’Anno

1° Gennaio 2014: 10 Segreti per Cominciare l'Anno col Piede Giusto

Federica Federico

di Federica Federico

01 Gennaio 2014

1° gennaio 2014: 10 segreti per cominciare l'anno col piede giusto

Il primo giorno dell’anno ha il sapore della novità, in sé porta il gusto della scoperta e nell’uomo stimola il senso della sfida.

Il 31 dicembre è l’ultima data del calendario perciò, se volessimo guardare asetticamente a questo giorno, potremmo dire che per prassi segna la chiusura di un computo convenzionale. Ma nella data conclusiva del 12esimo mese dell’anno c’è più di un calcolo matematico, l’anno che si chiude e quello che si apre distinguono i cicli della vita.

La fine e il principio di un anno non di rado divengono momenti di bilanci,  resoconti privati, intimi e personalissimi. Ad ogni bilancio corrisponde un giudizio e, una volta tirate le somme, si finisce pure col caricare cuore ed animo di aspettative e speranze.

<<Io voglio cominciare l’anno nuovo col piede giusto!>>, è questo un monito a se stessi diffuso e ricorrente.

1° gennaio 2014: 10 segreti per cominciare l'anno col piede giusto

Ma come si possono canalizzare le energie personali verso gli obiettivi migliori e finalizzare tutte le forze al raggiungimento di successi concreti?  

È naturale tirare le somme dell’anno esaurito, normalmente i resoconti sono netti: ai successi si contrappongono le sconfitte. E sui piatti di un’ideale bilancia della vita pesano amore, lavoro e famiglia.

1 – Inquadrate la top ten degli eventi (positivi e negativi) dell’anno appena passato. Provate a farlo materialmente mettendo nero su bianco il vostro resoconto di vita.

Stilate una lista sintetica delle vittorie e delle sconfitte, mentre lo fate sappiate che piangere sul latte versato  è inutile oltre che non proficuo. Scrivete il resoconto breve del vostro anno semplicemente isolando eventi o accadimenti importanti.

2 – Osservando i risultati positivi dell’anno passato, annotate le abilità e gli sforzi da voi impiegati per l’ottenimento di ciascuna conquista.

Questa annotazione precisa e orientata delle proprie capacità professionali, relazionali e anche intellettive aiuterà la vostra autostima e accenderà in voi i più positivi desideri di affermazione.

3 – Registrate anche le nuove consapevolezze tratte da ogni successo.

Annotando le cognizioni tratte dalle esperienze positive comprenderete che nella vita non si smette mai di imparare.

4 – Considerate le sconfitte. Fatelo facendo attenzione al punto di osservazione: non serve sentirsi vittime delle sconfitte! Assumete piuttosto il ruolo di “giudici” della vostra stessa vita e razionalizzate gli insuccessi disgiungendo la componente “sfortuna” dagli elementi di “colpa”.1° gennaio 2014: 10 segreti per cominciare l'anno col piede giusto

Errare è umano e chi vive umanamente sbaglia.

L’ammissione delle proprie colpe, che è moralmente corretta e socialmente apprezzata, aiuta l’individuo a superare i propri limiti, sostiene la crescita e consente a chiunque di migliorare se stesso.

Ammettere una colpa non deve però tradursi in una autopunizione né deve essere il pretesto per una costante e lenta flagellazione. In poche parole il vittimismo, l’autocommiserazione e la pietà di se stessi non portano a nulla di buono!

5 – Per cui mai piegarsi sotto il peso delle sconfitte.

6 – Individuate delle “uscite di sicurezza” ovvero delle condizioni di appagamento opposte, alternative e successive a quelle sconfitte che più vi hanno arrecato sofferenza.

7 – Se necessario non abbiate paura dei cambiamenti radicali.

8 – Circondatevi di persone positive che ritene capaci di trasmettervi calore, energia e brio. Godete dei sorrisi dei bambini, più ancora beneficiate della gioia dei vostri figli.

Circondatevi di persone positive

9 – Evitate di ricordare spesso gli eventi negativi, non raccontateli ancora ed ancora ad amici e parenti. Piuttosto catalogate le sconfitte e le sventure nella vostra memoria e provate a fare un lavoro di archiviazione dei “dati ostili”.

10 – Alla parola sfortuna sostituite la parola fato e opponete la parola speranza. Pensare positivo da sempre nuovi ed incisivi stimoli alla vita.

Circondatevi di persone positive

Leggi anche

Seguici