Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Influenza 2014: Sintomi e Cure

Fino a metà febbraio picco di influenza: i consigli dei medici

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

04 Febbraio 2014

La conseguenza di questi giorni della merla appena passati sarà il picco di influenza che nel nostro paese si aspetta fino alla prima metà di febbraio.

In termini di numeri, si stimano intorno ai 19mila i casi che potrebbero essere interessati dal virus, molti dei quali sarebbero bambini dai 5 ai 14 anni.

Fortunatamente gli anziani, categoria che di solito fa maggiore uso di vaccinazioni antinfluenzali, sarà in parte risparmiata da questa ondata di malanno.

I sintomi di questo nuovo ceppo influenzale sono abbastanza fastidiosi, anche se non sempre sono accompagnati da febbre: dolori articolari, o addirittura implicazioni intestinali potrebbero costringere molti italiani a letto per qualche giorno.

Il Ministero della Salute in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità (ISS), il Centro Interuniversitario per la Ricerca sull’Influenza (CIRI), gli Assessorati Regionali alla Sanità, i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta e i laboratori universitari hanno realizzato un sistema nazionale di sorveglianza dell’influenza (InFluNet), proprio per dare risposte immediate al cittadino e per supervisionare la situazione nel nostro paese.

Il dottor Romualdo Moggio, pediatra che collabora con InfluNet afferma: «I casi sono in aumento,  ma al momento l’influenza sembra essere meno virulenta rispetto a quella dell’anno scorso: poche complicanze, pochi focolai, anche se la febbre dura fino a sei giorni».

Ambulatori pediatrici e medici di base hanno già le code alle porte, così come le farmacie: sono principalmente persone affette da forme parainfluenzali, ma si consiglia di non trascurare comunque i sintomi e concordare la somministrazione di eventuali antibiotici con il medico o il pediatra, evitando cure fai-da-te.

Leggi anche

Seguici