Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

“Terribile Incidente Aereo”: 18 Minuti di Panico

Scatta l'allarme incidente aereo: 18 minuti di paura

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

28 Marzo 2014

Un allarme incidente aereo ha mobilitato ieri un elicottero, un aereo militare e i servizi di emergenza alle Isole canarie (Spagna).

Alle 16 locali un tweet di allerta per una caduta di un aereo passeggeri a sole due miglia dalla costa di Gran Canaria.

L’aeroporto di emergenza dell’isola aveva persino inviato un appello al governo per la mobilitazione di tutte le forze.

Sembra che i servizi di emergenza fossero stati allertati da una serie di telefonate da parte di cittadini che avevano avvistato l’aeromobile in mare.

Tra le notizie diffusesi in brevissimo tempo si sospettava che si trattasse di un Boeing 737 con a bordo 150 passeggeri che era riuscito a planare in mare poco distante dalla costa.

In altrettanto breve tempo però si è chiarito che la notizia dell’aereo caduto in mare era un falso allarme.

Infatti, pochi minuti dopo, 18 per l’esattezza, il 112 delle canarie emette il tweet che rassicura tutti: una nave della società di trasbordi Multraship, con una enorme gru gialla in cima, piegata per essere trasportata era sembrata un aereo caduto sulla superficie del mare.

Coincidenza vuole che un ministro del governo e il Presidente delle Isole Canarie fossero a pranzo insieme per una conferenza stampa sull’Europa.

La telefonata dell’aereo caduto in mare è arrivata al ministro Ana Pastor, che è sbiancata e ha immediatamente richiesto l’apertura dei protocolli d’emergenza.

In un primo momento le informazioni non combaciavano: nessuna torre di controllo aveva perso velivoli dai radar, forse non era un Boeing.

Poi la foto chiarificatrice: la struttura della nave in transito che tirava un rimorchiatore aveva fatto scattare l’allarme, ma non c’era nessun aereo caduto in mare.

Il ministro Pastor stesso, con un gesto di sollievo, ha annunciato ai giornalisti che l’allarme era cessato, anzi non era mai esistito.

Adesso però tutti scaricano la responsabilità del falso allarme a qualcun altro: Il centro di controllo sostiene di non avere mai confermato la notizia, e il governo vaglierà tutte le registrazioni per avere chiaro cosa sia accaduto.

Intanto, per fortuna, la bella notizia è che nessun aereo è caduto ieri in mare.

 

fonte:  politica.elpais.com

Leggi anche

Seguici