Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

I Vegetariani si Ammalano di Più di Cancro (e non solo), nuovo studio

Chi segue una dieta vegetariana sta peggio. Lo dice una ricerca

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

06 Aprile 2014

Da tempo oramai vengono esaltate le qualità benefiche di uno stile alimentare vegetariano, o che comunque includa molta frutta e verdura e poche carni specialmente rosse.

Adesso uno studio condotto dall‘Università di Graz, in Austria, mette in discussione l’alimentazione vegetariana.

 

I dati dello studio (tratti dall’Austrian Health Interview Survey) sono stati pubblicati sul portale Plos One, e riportano i risultati di 1320 soggetti intervistati sullo stato generale di salute.

Dallo studio i ricercatori hanno evinto che la dieta di ogni individuo sembra influenzare consistentemente la propria salute.

Lo scopo era proprio di analizzare le differenze dei vari stili di vita in relazione alle variabili sulla salute.

I 1320 cittadini presi in esame sono di varia età (40% al di sotto dei 30 anni, 35.4% tra i 30 e i 49, 24.0% oltre 50) sesso (76.4% femminile, 23.6% maschile) e stato socioeconomico.

Inoltre sono stati individuati anche a seconda del loro regime alimentare (330 per ogni forma di alimentazione – vegetariana, carnivora, ricca di frutta ecc.).

Sono state infine effettuate analisi sullo stato di salute di questi individui includendo cittadini con buono stato di salute, con condizioni patologiche croniche, vascolari, e anche la qualità dello stile di vita e l’attenzione che essi ponevano alla loro cura.

Il risultato di questi studi ha evidenziato che coloro che seguivano una dieta vegetariana avevano una maggiore incidenza di malattie come tumori, allergie e disturbi mentali (depressione, ansia ecc).

Una dieta vegetariana era spesso associata ad un basso BMI (indice di massa corporea) e ad un più frequente consumo di alcol.

Infine coloro che conducevano uno stile alimentare basato sul vegetarianesimo necessitavano maggiori cure mediche e avevano una peggiore qualità di vita.

I ricercatori infine asseriscono come lo studio necessiti di maggiori approfondimenti.

 

fonte: Plos One

Leggi anche

Seguici