Seguici:

Detrazioni per le Spese Sanitarie: dal 2016 già nel 730

Detrazioni per le Spese Sanitarie: dall'anno prossimo le spese sanitarie incluse nel Mod. 730 precompilato. Attenzione però NON buttate ancora gli scontrini

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

24 Settembre 2015

La dichiarazione dei redditi è un rompicapo che mette in crisi ogni famiglia chiamata a comunicare all’Agenzia delle Entrate ogni anno le entrate e le spese sostenute nel periodo.

Difficile districarsi nel ginepraio di Cud, scontrini, ricevute e buste paga per dimostrare le proprie entrate, e sottrarre le spese sostenute che lo Stato ci consente.

Detrazioni per le Spese Sanitarie: dal 2016 saranno sottratte automaticamente dai Redditi.

 detrazioni per le spese sanitarie nel 730

In passato (e ancor adesso è così, tranne che nel sistema di ricezione dei dati da parte dell’ente) ogni dipendente che dichiarava un reddito da lavoro aveva la possibilità di dimostrare di avere sostenuto delle spese, e poteva sottrarle ai propri redditi, così da pagare meno tasse.

Il Fisco italiano considera detraibili dal reddito molte spese, tra le quali:

  • Le spese sanitarie
  • Le spese sostenute per il mutuo sulla prima casa o per l’affitto dell’abitazione
  • Le assicurazioni
  • Le spese per il mantenimento dei figli a carico, ripartite tra i genitori.
  • Le spese per corsi di istruzione, asili nido, spese veterinarie, costi per attività sportive dei figli, spese per badanti e persino spese funebri.

Dall’entrata in vigore del Modello 730 precompilato, quest’anno per i Redditi del 2014, le cose (nelle intenzioni), sono state facilitate dall’Agenzia delle Entrate.

Quest’anno infatti i dipendenti hanno ricevuto il Modello 730, che è il modulo da presentare nel quale si dichiarano redditi e spese sostenute, in parte pre-compilato.

Sul Modello 730 erano già presenti alcuni dati come le assicurazioni sulla vita e pochi altri, che avrebbero (sempre nelle intenzioni) dovuto agevolare il dipendente a dichiarare il giusto.

detrazioni per le spese sanitarie già nella dichiarazione dei redditi

Essendo questo il primo anno di gestione “telematica” del Modello, molti in Italia non hanno potuto appieno godere della facilitazione messa in atto dalla Agenzia delle Entrate.

Infatti, proprio per un rodaggio fisiologico del sistema, alcuni errori sono stati fatti, e alcuni si sono ritrovati con delle spese non proprie, o al contrario con delle spese non incluse nel Modello pre-compilato.

Dall’anno prossimo l’Agenzia delle Entrate ha introdotto una novità.

Le Detrazioni per le spese sanitarie si troveranno già nel modello 730 pre-compilato.

In pratica l’automazione di molti enti pubblici, ospedali, laboratori di analisi e farmacie pubbliche e private ha consentito di far confluire all’Agenzia delle Entrate tutta una serie di dati dei contribuenti.

L’Agenzia riceverà in modo automatico tutte le spese del contribuente riportanti il codice fiscale o i dati anagrafici, e le inserirà nella dichiarazione dei redditi, così da agevolarne ulteriormente la compilazione.

Niente più scontrini di medicine, niente più ricevute di analisi, o contrassegni di visite da conservare?

Dall’anno prossimo dunque, nel 730 2016, a partire dal  15 aprile l’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione nel modulo precompilato tutti le spesse derivanti da scontrini e quietanze di pagamento detraibili o deducibili, comprese le spese per mutui, affitti e altro  (per altro già presenti quest’anno).

Attraverso il sito dell’Inps o del Fisconline, munito di Pin, il contribuente si troverà con il Modello 730 pronto per l’invio.

Se la persona trovasse tutti i dati corretti potrà convalidare il modulo e inviarlo telematicamente all’Agenzia delle Entrate, senza l’intermediazione di Caaf o enti abilitati all’invio (commercialisti, consulenti ecc).

Detrazioni per le spese sanitarie. Attenzione agli errori.

detrazioni per le spese sanitarie attenzione agli errori

Quest’anno, come si diceva, molti hanno riscontrato errori e inesattezze sul primo Modello 730, e c’è da credere che anche l’anno prossimo possa succedere lo stesso.

La complessità del sistema, le difficoltà che potrebbero incontrare gli utenti nella compilazione senza supporto di un esperto, potrebbero rendere forse più complicata l’impresa, nonostante l’intento.

La legge ha anche previsto che l’Agenzia delle Entrate invii una circolare esplicativa per elencare le modalità alternative al modello pre-compilato, ma questo ancora non è avvenuto.

Infine, le istruzioni su come modificare, inserire o cancellare dati inesatti non sono ancora state emanate (Fonte: Aism.it).

Ovviamente un sistema di automazione così complicato prevederà ancora qualche tempo di rodaggio, per cui quasi certamente ci vorrà ancora qualche tempo affinchè si entri a regime.

Il consiglio che noi di Vita da Mamma ci sentiamo di dare è comunque di controllare attentamente il Modello 730 precompilato che vi verrà inviato l’anno prossimo,  di affidarsi ad un esperto se avete dubbi o insicurezze, e soprattutto di non cestinare ancora tutto il vostro materiale cartaceo, gli scontrini della farmacia, teneteli ancora per qualche tempo nel cassetto della scrivania!

Fonte: Agenzia delle Entrate

 



Iscriviti alla newsletter
Riceverai preziosi consigli e informazioni sugli ultimi contenuti, iscriviti alla nostra newsletter:

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e di accettare le condizioni.

Seguici