Seguici:

Sospetta Meningite a Terni Maestra in Coma

Alessandra Albanese

di Alessandra Albanese

10 Novembre 2015

Sarebbero abbastanza gravi le condizioni della donna che lo scorso venerdì 6 novembre è stata ricoverata nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Santa Maria di terni per una sospetta meningite.

Sospetta Meningite. Maestra elementare ricoverata a Terni

sospetta meningite

La donna è una educatrice della scuola  comunale “Rataplan” di Terni, da venerdì scorso è in rianimazione per una per una meningoencefalite associata ad una pansinusite, una infezione che potrebbe avere come origine batterica.

L’ospedale ternano avrebbe diffuso una nota nella quale afferma di attendere ancora l’esito finale delle analisi in coltura, per conoscere l’eziologia della malattia che ha costretto la donna al coma, sebbene da una prima diagnosi si tratterebbe di batteri diversi dal meningococco.

Seguendo i protocolli imposti dal caso, sono scattate le procedure di profilassi per i 50 bambini che frequentano le sezioni della scuola materna, e allo stesso protocollo profilassimo sono stati sottoposti anche circa 30 bimbi più piccoli del nido e il personale della scuola, che potrebbe essere stato a contatto con la maestra.

Sospetta Meningite. Scatta la profilassi per un centinaio di persone entrate in contatto con la maestra

sospetta meningite

Entro le 24 ore stabilite dal protocollo internazionale infatti, l’ospedale avrebbe allertato il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica dell’Azienda Usl Umbria 2, la quale ha somministrato la profilassi antibiotica agli interessati.

Tempestiva è stata anche la risposta della scuola, che nella giornata di sabato ha immediatamente provvisto l’elenco del personale e dei bambini al distretto di Terni, al personale del centro salute Tacito, in collaborazione con il comando dei Vigili Urbani del Comune.

L’Asl avrebbe rassicurato tutti che non esiste alcun pericolo per la popolazione, e avrebbe diramato la seguente nota: «la profilassi è stata attivata immediatamente dagli esperti dell’Azienda Usl Umbria 2 di viale Bramante, Servizio Igiene e Sanità Pubblica, dr.ssa Maria Laura Proietti e dr. Vincenzo Patavino e ha riguardato tutti gli ottanta bambini della scuola materna dove insegnava la signora, tutto il personale scolastico (una quindicina di persone) e circa 30 persone dell’ambito familiare che hanno avuto un contatto diretto con la giovane insegnante». 

Le condizioni della maestra intanto restano gravi, ma l’intervento degli operatori si è dimostrato tempestivo, e non sembra esserci al momento alcun pericolo per gli altri.

Fonte: Umbriaon.it



Iscriviti alla newsletter
Riceverai preziosi consigli e informazioni sugli ultimi contenuti, iscriviti alla nostra newsletter:

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e di accettare le condizioni.

Seguici