Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Bambino in Piscina Svenuto, Ora in Gravi Condizioni

Non sono ancora note le cause per le quali il bambino in piscina è svenuto

Gioela Saga

di Gioela Saga

18 Luglio 2016

Un attimo fatale che sembra stesse aspettando un bambino in piscina mentre trascorreva una giornata serena con i suoi famigliari in uno stabilimento balneare. Non sono ancora note le cause precise per cui il piccolo di quattro anni sia sia presumibilmente sentito male, comunque abbia perso i sensi e sia stato poi trovato svenuto in una delle due piscine dello stabilimento.

Bambino in piscina trovato privo di sensi, viene immediatamente ricoverato gravissimo.

bambino in piscina svenuto

E’ accaduto dopo pranzo, verso le 14 del 17 luglio scorso, pare che il bimbo avesse mangiato un panino e avesse poi proseguito la giornata che doveva essere di solo divertimento presso il Lido Paradiso, sul lungomare Dante Alighieri di Trapani e a pochi metri dalla centrale piazza Vittorio Emanuele. Si  trovava lì con la sua famiglia con cui risiede nella frazione trapanese di Xitta.

 

Ancora si dovranno accertare i motivi del malore ma, dalle prime riscostruzioni, il bambino in piscina si è sentito male e poco dopo è stato rinvenuto privo di sensi.

Subito è stata allertata una volante della polizia che si è recata sul luogo dell’incidente e ha contestualmente chiamato un mezzo di pronto soccorso.

 

Il bambino è stato subito portato all’ospedale Sant’Antonio Abate in condizioni molto grave ed è stato intubato e trasportato d”urgenza, grazie all’elisoccorso, fino a Palermo presso il reparto di Rianimazione dell’ospedale Di Cristina.

bambino in piscina svenuto

Bambino in piscina sviene ed è ora in gravi condizioni.

Gli inquirenti stanno indagando a 360 gradi per valutare anche se vi possano essere gli estremi per omessa custodia del bambino in piscina. I soccorsi sono avvenuti in modo tempestivo ma non si sa da quanto tempo il piccolo si trovasse nella piscina. Per questo si stanno interrogando attentamente anche i genitori del bimbo, i gestori dello stabilimento e alcuni bagnanti.

 

La prudenza purtroppo non è mai troppa con i bambini e soprattutto in un contesto dove ci sia l’acqua che esercita sempre un fascino incredibile su tutti, specialmente i più piccoli, ma deve essere gestita con prudenza.

 

Ci auguriamo che il piccolo ce la possa fare e possa tornare a passare giornate serene con i suoi cari giocando in riva al mare.

 

 

Fonte: Repubblica

Leggi anche

Seguici