Seguici:

Gelato artigianale o confezionato: ecco quale scegliere

Meglio un gelato artigianale o confezionato? La nostra nutrizionista spiega le differenze tra questi due dolci alimenti indirizzandoci all'acquisto migliore

di Dott.ssa Maria Paola De Biase

26 Agosto 2016

Gelato artigianale o confezionato: ecco quale scegliere

In estate è difficile rinunciare ad un bel gelato, che sia a conclusione di un pasto, come merenda o durante una passeggiata serale. Eppure anche questa dolce leccornia può mettere in crisi coloro che non sanno quale scegliere tra gelato artigianale o confezionato.

Per dissipare ogni dubbio dovremo fare una valutazione degli ingredienti che compongono i due prodotti.

Meglio un gelato artigianale o confezionato?

Il gelato in generale è un alimento composto da latte, zucchero e altri ingredienti come uova, cacao e frutta, a seconda del gusto che si vuole realizzare.

Ci sono gelati alla crema che vedono necessariamente l’impiego di latte o panna, mentre i gelati alla frutta, noti anche come sorbetti, possono non impiegare questi due ingredienti. Tale mancanza è positiva per chi tiene alla linea e non vuole esagerare con calorie e grassi.

L’ideale è il gelato fatto solo con frutta fresca, che apporterà solo carboidrati sotto forma di zuccheri e non peserà sul conteggio calorico di chi è a dieta.

Il gelato artigianale

Prima di vedere le differenze per capire se è meglio il gelato artigianale o confezionato, dobbiamo precisare che ci sono differenze anche tra un gelato artigianale e l’altro. Oggi ci sono molte catene di gelaterie che offrono a chi apre l’attività dei prodotti semilavorati composti da addensanti ed emulsionanti. Sono comunque prodotti naturali, con il grosso vantaggio del risparmio di tempo.

Chi fa del vero gelato artigianale però utilizza materie prime come si faceva in passato, il che richiede più tempo e una maggiore conoscenza. Così si realizza un gelato artigianale doc che dovrà essere consumato in poche ore.

Il vero gelato artigianale impiega latte o panna freschi e uova (pastorizzate o fresche). Le materie prime sono genuine e gli ingredienti di alta qualità. Ovviamente chi produce questo tipo di gelato ci tiene a dichiararlo in negozio per cui non possiamo sbagliarci se volessimo optare per il vero gelato artigianale.

Gelato artigianale o confezionato: quali sono le differenze?

Vi elenchiamo qui di seguito le caratteristiche che differenziano il gelato artigianale da quello confezionato. Ecco quali sono:

  • i grassi: il gelato artigianale contiene meno grassi rispetto ad un gelato confezionato; un gelato confezionato contiene quasi sempre oli vegetali (olio di palma, olio di cocco, ecc.). I grassi contenuti nel gelato artigianale derivano unicamente da latte o panna (o eventualmente uova) in esso presenti;
  • additivi: un gelato confezionato può contenere additivi come coloranti, emulsionanti, stabilizzanti e aromi. Il gelato artigianale ne è privo;
  • aria: il gelato confezionato contiene più aria, in modo che si mantenga la morbidezza e il volume. Questo però non incide sulla qualità del prodotto;
  • freschezza: il gelato artigianale è sempre fresco, le gelaterie più gettonate lo producono anche più volte nell’arco della giornata. Un gelato confezionato è prodotto per mantenersi per mesi (se non anni);
  • lista ingredienti: quella del gelato artigianale è molto più corta (le gelaterie espongono gli ingredienti che compongono i vari gusti) rispetto a quella di un gelato confezionato.
  • valori nutrizionali: un gelato confezionato dichiara nella tabella nutrizionale tutti i valori quindi sappiamo quante calorie introduciamo, quanti grassi, carboidrati, ecc.. Questa differenza può andare a vantaggio di chi è a dieta e vuole capire quanto sta introducendo nell’organismo in modo da compensare eliminando qualcos’altro dal menu di quel giorno. Quando scelgo un gelato confezionato posso capire al momento quale sia il migliore, basta leggere l’etichetta. In questo modo posso capire se contiene “latte fresco” o “latte” (che sicuramente sarà in polvere), se contiene o meno oli vegetali, sciroppi, ecc..
Gelato artigianale o confezionato
Bambina in spiaggia mangia gelato confezionato – Foto diritto d’autore: superelaks © 123RF.com – ID Immagine: 80529812 con licenza d’uso.

Gelato artigianale o confezionato: ecco quale scegliere.

Mettendo sulla bilancia i vari aspetti che caratterizzano le due tipologie di gelato: meglio gelato artigianale o confezionato? Sicuramente è meglio un gelato artigianale rispetto ad uno confezionato. Anche quando il gelato artigianale è fatto con basi pronte, fornite dall’industria (tipica delle catene di gelaterie).

Quello che deve essere altrettanto chiaro è che in entrambi i casi si tratta di un alimento vero e proprio che apporta diversi nutrienti, buoni e meno buoni per la salute, oltre che apporta un buon numero di calorie. Non deve essere un “extra” fisso nelle giornate estive perché alla fine ci troveremo a fare i conti con dei chili in più.

Consigli generali per consumare un gelato artigianale o confezionato:

  • Limitare l’acquisto di vaschette prodotte a livello industriale e soprattutto evitare di mangiare direttamente dalla vaschetta: il gelato rimane un alimento ipercalorico e si rischia di eccedere con le calorie introdotte;
  • Leggere sempre le etichette nutrizionali dei gelati confezionati evitando di comprare quelli contenenti oli vegetali;
  • Se possiamo scegliere tra diversi gelati artigianali, preferiamo quello a più alta qualità, che avrà esposti gli ingredienti impiegati per realizzare i vari gusti. In particolare, scegliamo quello che propone latte o panna freschi, che non impiega oli e grassi vegetali.

Aggiornamento articolo 6 Giugno 2022 ore 20:00



Iscriviti alla newsletter
Riceverai preziosi consigli e informazioni sugli ultimi contenuti, iscriviti alla nostra newsletter:

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e di accettare le condizioni.

Seguici