Seguici:

Ostruzione delle Vie Aeree: Neonata Salva Grazie al Cane

Neonata salvata da una ostruzione delle vie aeree, è viva grazie alla prontezza della madre e all'insistenza del cane di casa che "ha dato l'allarme".

Federica Federico

di Federica Federico

27 Ottobre 2016

Tra le immagini che accompagnano questo testo, colpisce il “ritratto” di una madre completamente bagnata mentre “bacia” la sua neonata che sembra disperarsi. Ebbene, quello non è un bacio ma un tentativo di rianimare la piccola: Rachel stava per rimanere vittima di una ostruzione delle vie aeree, probabilmente da rigurgito.

La storia che sta dietro questo “fermo immagine” è piena di sfaccettature e, complice il lieto fine, fa molto riflettere. E’ un diritto delle madri conoscere le manovre salvavita e sentirsi pronte ad affrontare condizioni di rischio come questa . 

La neonata ha rischiato di perdere la vita per un’ ostruzione delle vie aree, deve la sua salvezza al cane di casa, un collie di 2 anni (all’epoca dei fatti).

disotruzione delle vie aeree

Disostruzione delle vie aeree, le manovre salvavita possono “restituire il respiro” ai bambini.

Il video in cui viene presentata al pubblico la storia di Rachel è, in realtà, una ricostruzione degli accadimenti, corredata dalla testimonianza della mamma. Il girato è datato 1996 e fu realizzato per la CBS (l’anzianità del video è la causa della scarsa qualità delle immagini che nulla tolgie, però, al messaggio).

I decessi per ostruzione delle vie aeree sono un dramma reale, molte piccole vittime possono scampare alla morte per soffocamento grazie alle manovre salvavita. E’ per questo che la disostruzione merita di essere considerata una competenza a cui tutte le mamme devono avere accesso.

ostruzione delle vie aeree

Rachel, liberata da un’ ostruzione delle vie aeree, è viva grazie al suo amico a 4 zampe e alla capacità della madre di prestare i primi soccorsi. I fatti:

Mindi, questo il nome della mamma di Rachel, era allora una giovane madre, correva il 1993 e la sua secondogenita era venuta alla luce da pochi mesi. In quello che doveva rimanere un pomeriggio normale, Mindi adagiò Rachel nella culla e, mentre la bimba più grande giocava in giardino, approfittò del momento di “quiete” per fare una doccia.

 

Ad un certo punto sentì il cane abbaiare. Il collie di casa era solito “alzare la voce”, perciò la preoccupazione maggiore di Mindi era solo quella di arrivare prima che sua figlia si svegliasse. Quindi, uscì dalla doccia in fretta.

 

Una volta raggiunta la camera di Rachel, Mindi notò che il cane insisteva nell’abbaiare con forza. Guardò nella culla e quel che vide fu allarmante: la neonata aveva un colorito violaceo, la mamma si rese subito conto del fatto che il battito era flebile e il respiro pareva mancare.

 

La donna invocò a gran voce l’aiuto della primogenita e la esortò a chiamare i soccorsi. Nell’attesa mise in pratica tutto ciò che sapeva sul primo soccorso pediatrico.

Con l’arrivo dei paramedici, grazie al pronto trasporto in ospedale, complice la lucidità della mamma, Rachel è salva. Le visualizzazioni di questo girato, che ricostruisce attimi di terrore, non si fermano ed è bene che non si fermino mai perché dimostrano come si possa “riportare alla vita” un bimbo vittima di un’ ostruzione delle vie aree.

I medici, nel caso di Rachel hanno confermato che del cibo, forse rigurgitato, stava inibendo il respiro della bimba.

Vita da Mamma è fermamente convinta dell’importanza che hanno le manovre salvavita. Grazie alla collaborazione del CRI (Croce Rossa Italiana) abbiamo realizzato una serie di video informativi. Vi invitiamo a guardarli:

Vita da Mamma è candidata ai Macchianera Internet Awards 2016, se ti è piaciuto questo articolo e se ti piace il nostro lavoro votaci cliccando sull’icona ufficiale che trovi qui sotto.

Perchè la scheda sia valida è necessario votare per almeno 10 categorie a scelta (Vita da Mamma è nella n°28 Miglior sito per Genitori e Bambini).

Clicca qui sotto e VOTA per NOI:

mia16nomination-med



Iscriviti alla newsletter
Riceverai preziosi consigli e informazioni sugli ultimi contenuti, iscriviti alla nostra newsletter:

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e di accettare le condizioni.

Seguici