Seguici:

Mamma Malata di Cancro Muore per Salvare il Figlio

Una mamma malata di cancro decide di proseguire la gravidanza e fa nascere il suo bambino

Gioela Saga

di Gioela Saga

20 Marzo 2017

Gli esempi della grandiosità dell’amore di una mamma sono infiniti e non ci si stupisce mai di vedere quanto una mamma sia disposta a sacrificare se stessa per i propri figli.

 

La forza che può derivare da questo amore è incredibile e quando una mamma malata di cancro muore sacrificando se stessa per salvare il figlio diventa il simbolo vivente di questo Amore.

Mamma malata di cancro muore per salvare il figlio

mamma muore di cancro per salvare il figlio

 

E’ il marito stesso, Max, che, con le lacrime agli occhi, racconta questa storia incredibile a Fox29.

 

La sua vita e quella della moglie sono state stravolte dal cancro.

 

Cinque anni fa si sposano e arriva la loro prima bimba, Avery che adesso ha quattro anni. Tutto sembrava procedere per il meglio e la coppia è felice.

 

La storia della mamma malata di cancro comincia due anni fa con una brutta scoperta

 mamma malata di cancro muore

Danielle aveva allora 30 anni e le viene tolto un neo che destava sospetti, le ricerche dimostrano che si trattava di un melanoma, aveva fatto bene a toglierlo e a farsi controllare.

 

Inizia un periodo di ansia e attesa per i mesi successivi dove purtroppo si scopre che Daniella aveva una ciste ad un seno e il cancro si era diffuso in tutto il suo corpo.

 

Ad aggravare la sua situazione di salute c’è il fatto che è incinta al sesto mese.

 

Danielle e Max erano felicissimi di questo, desideravano da tempo allargare la famiglia, ma la preoccupazione sale alle stelle.

 

Naturalmente la mamma malata di cancro non può sottoporsi a nessuna terapia e la sua situazione precipita velocemente.

Jake cresceva bene ma la salute di Danielle peggiora a vista d’occhio.

mamma malata di cancro muore

Mamma malata di cancro prende la decisione di salvare il figlio

Quando le viene ufficialmente detto di avere metastasi da melanoma era il nove febbraio ed è morta solo 17 giorni dopo.
Prima di morire Danielle era ben cosciente di cosa le stava succedendo e prende la decisione di salvare suo figlio e fare tutto il possibile per lui.
“Quando le hanno fatto il cesareo non pensavano neppure sopravvivesse, ed è morta tre giorni dopo.”

Ricorda il papà.
“Per me è devastante non averla più accanto.”

Adesso Jake è in terapia intensiva neonatale, è nato di poco meno di 800 grammi, una macchina lo aiuta a respirare ma non sembra in pericolo di vita e fa grandi progressi ogni giorno.

 

Il papà non fa che sfogliare le foto della moglie con la piccola Avery, non vuole che lei si dimentichi mai della mamma e ora ha bisogno di tutto il suo sostegno.

 

Max è un poliziotto ed è stato anche nell’esercito, guadagnandosi una medaglia di bronzo in Iraq e Afghanistan, è abituato allo stress e alle situazioni di emergenza ma non è nulla rispetto a quello che ha vissuto e sta vivendo.

 

Eppure ricorda che la moglie ha sempre avuto il sorriso, fino all’ultimo giorno, senza mai lamentarsi e lui le è stato accanto in ogni momento, per cercare di sollevarla e darle speranza e forza.

 

Danielle, siamo con te e ti ricordiamo perché rappresenti per tutte noi mamme la forza in ognuno di noi. 

 

Video:

 



Iscriviti alla newsletter
Riceverai preziosi consigli e informazioni sugli ultimi contenuti, iscriviti alla nostra newsletter:

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e di accettare le condizioni.

Seguici