Seguici:

Mamma si sveglia dal coma grazie al figlio di 4 mesi

Incosciente da 5 mesi a causa di un trauma cranico, una giovane mamma si sveglia dal coma grazie al bambino che ha dato alla luce durante la degenza

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

14 Aprile 2017

Tutti ormai lo chiamano il miracolo di Santino, un bimbo di soli 4 mesi protagonista di due straordinari avvenimenti.

Dapprima la sua nascita mentre la madre era ricoverata in terapia intensiva e poi il risveglio dal coma di quest’ultima grazie al contatto con il suo bambino.

Giovane mamma si sveglia dal coma grazie al figlio di 4 mesi.

Mamma si sveglia dal coma grazie al figlio di 4 mesi

Amelia Bannan, questo il nome della mamma che si sveglia dal coma, è un’agente di polizia di 34anni rimasta coinvolta in un incidente lo scorso primo novembre.

 

L’auto sulla quale quel giorno stavano viaggiando lei e altri 4 colleghi, tra cui anche il suo compagno, è uscita fuori strada. Amelia, che all’epoca dei fatti era incinta di quasi 6 mesi, fu l’unica dei passeggeri ad essere ferita gravemente.

Fu successivamente ricoverata nel reparto di terapia intensiva dell’Hospital Escuela de Agudos di Posadas, capoluogo della provincia di Misiones, Argentina, a causa di un grave trauma cranico che la indusse in coma.

Mamma si sveglia dal coma grazie al figlio di 4 mesi

Mamma si sveglia dal coma: l’auto sulla quale viaggiava Amelia

I medici fecero di tutto per farle portare avanti la gravidanza, il piccolo Santino ha continuato a crescere nel ventre materno fino alla vigilia di Natale quando, alla 34° settimana di gestazione, viene alla luce.

Al momento della nascita il bambino pesava 1,890 chili e era in buona salute.

 

Date la condizione di incoscienza della sua mamma, il piccolo è stato affidato alle cure della famiglia della donna che, nel mesi successivi al lieto evento, ha cercato di far incontrare sempre più spesso Santino e Amelia, creando un contatto tra loro.

Il tutto documentato da alcuni video che Cesar Bannan, zio di Santino e fratello di Amelia, ha regolarmente postato sul suo profilo facebook, filmati non coperti dalle limitazioni della privacy.

 

 

Que historia de vida Amelia Bannan… Vos y tu hijito Santino Bannan nos dan las fuerzas a Norma Bannan a nuestra familia y a todos q nos apoyan dia a día… falta tan poco para el click a q reacciones y seamos felices

Pubblicato da Cesar Bannan su Giovedì 16 marzo 2017

 

 

Pubblicato da Cesar Bannan su Mercoledì 29 marzo 2017

 

 

 

 

 

Ed è stato proprio grazie a quegli incontri che la mamma si sveglia dal coma.

È accaduto il 6 aprile scorso, è lo stesso Cesar ad annunciare sui social, all’alba del giorno successivo, che la giovane mamma si sveglia dal coma pronunciando finalmente le sue prime parole a 5 mesi da quel terribile incidente.

 

 

Revolucionó nuestros corazones Amelia Bannan… Hablo…..sus primeras palabras al preguntarles cosas sus respuestas…

Pubblicato da Cesar Bannan su Giovedì 6 aprile 2017

 

 

Un risveglio forse annunciato, il fisioterapista Roberto Gisin aveva infatti dichiarato che le reazioni che aveva Amelia quando “interagiva” con il suo bambino erano diverse da quelle avute quando veniva stimolata da chiunque altro.

Per tale motivo i familiari avevano cercato agevolare il più possibile il loro contatto convinti che sarebbe stata quella la chiave giusta per il recupero della donna.

 

Ed il tempo ha dato loro ragione: la mamma si sveglia dal coma proprio grazie al Santino e a quel legame che unisce una madre al suo bambino.

 

Intervistato da un’emittente televisiva locale, il dottor Marcelo Ferreira, neurochirurgo della clínica Neuma Respiratoria che si occupa del recupero di Amelia, si è dichiarato entusiasta e sorpreso dei progressi fatti dalla donna affermando che continua a migliorare giorno dopo giorno e che forse un giorno potrà tornare a camminare tenendo per mano il suo bambino.

 

Fonte foto: facebook



Iscriviti alla newsletter
Riceverai preziosi consigli e informazioni sugli ultimi contenuti, iscriviti alla nostra newsletter:

Dichiaro di aver letto l'informativa sulla privacy e di accettare le condizioni.

Seguici