Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Esempio di dieta chetogenica: cos’è e come si fa

Esempio di dieta chetogenica: come si mette in pratica, i consigli della nutrizionista per un piano nutrizionale ispirato a questo regime dietetico.

Dott.ssa Maria Paola De Biase

di Dott.ssa Maria Paola De Biase

22 Giugno 2017

Della dieta chetogenica se ne sente parlare parecchio, prima di vedere un esempio di dieta chetogenica faccio qualche accenno sulla stessa.

 

La dieta chetogenica consiste nel ridurre notevolmente l’apporto di carboidrati, a favore di grassi e proteine. La regola generale è che nella dieta occorre introdurre ogni giorno meno di 60 grammi di carboidrati, ma questo può essere soggettivo e la quantità di carboidrati può variare in base a ciò che reputa più opportuno il medico o il biologo nutrizionista in relazione all’obiettivo da raggiungere.

 

La quantità di carboidrati deve essere tale da indurre nell’organismo uno stato di chetosi.

La chetosi è la condizione che indica un’alterazione nel metabolismo dei grassi e che si verifica in caso di digiuno prolungato o in caso di privazione dei carboidrati. In altre parole, quando l’organismo non riceve carboidrati mediante la dieta attiva altri meccanismi che consentono l’utilizzo dei grassi di deposito per fornire l’energia necessaria all’organismo che normalmente è fornita dal glucosio.

Esempio di dieta chetogenica schema

Esempio di dieta chetogenica – questo regime dietetico deve fondamentalmente rispettare 3 principi:

forte riduzione dei carboidrati, che consente non solo di andare a intaccare i depositi di grasso del corpo, se lo scopo della dieta chetogenica è il dimagrimento, ma consente anche di ridurre l’azione dell’insulina, l’ormone ipoglicemizzante che ha il compito di ridurre il glucosio nel sangue che è anche “ingrassante” visto che se prodotta in eccesso ha anche azione lipogenetica;

 

aumento dell’apporto di grassi e di proteine. L’aumento delle proteine è abbastanza contenuto, infatti da un normale apporto del 15-20% si passa ad un 20-25 % di proteine. Invece sull’apporto dei grassi, le percentuali aumentano notevolmente: se una dieta “classica” vede un 25-30% di grassi, in una dieta chetogenica i grassi aumentano fino al 70-75%.

 

– produzione dei corpi chetonici, che rappresentano la fonte di energia che utilizza l’organismo in mancanza del glucosio.

 

L’esempio di dieta chetogenica dell’articolo è puramente indicativo.

Lo scopo è illustrare a grandi linee come si struttura una dieta chetogenica. È compito del professionista elaborare la dieta chetogenica che fa al caso specifico.

Esempio di una dieta chetogenica:

  • Colazione:

Un bicchiere di latte o un vasetto di yogurt bianco

Frutta secca, come noci o mandorle o nocciole o un panino con una fetta di affettato o di formaggio

Spuntino di metà mattina e di metà pomeriggio

Frutta secca o un pezzo di formaggio, come il parmigiano, o della verdura, ad esempio una carota o un cetriolo o del sedano

  • Pranzo e cena:

Porzione di verdura, che sia insalata o ortaggi grigliati o verdura cotta al vapore (es. insalata di pomodori e lattuga, zucchine grigliate, broccoli cotti al vapore, ecc.)

 

Un secondo, che sia carne o pesce, compresi affettati magri come bresaola, carpaccio di manzo, fesa di tacchino o arrosto di pollo o di tacchino. Anche i molluschi sono una valida alternativa. Alternative a carne e pesce sono i latticini, come la mozzarella o la ricotta o il formaggio fresco oppure le uova.

 

Condimento grasso, come olio per condire le verdure e il secondo, sono concesse delle olive per arricchire le insalate oppure delle scaglie di mandorle o delle noci in pezzi. Anche il burro per questa dieta va bene, anche se è opportuno non abbondare con il suo utilizzo.

 

La differenza nella scelta degli alimenti e quindi nel menù sarà dettata dalla percentuale di nutrienti che il medico o il biologo avrà scelto per personalizzare la dieta chetogenica, fondamentale per il raggiungimento dell’obiettivo prefissato, preservando la salute del paziente o mirando al miglioramento dei sintomi (nel caso di dieta per emicrania, epilessia, diabete, ecc.).

Dieta chetogenica dimagrante: riduce il senso di fame

Fonte immagine Ingimage –  ID:02E99820

Leggi anche

Seguici