Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Cagnolina italiana condannata a morte in Danimarca

Firmando la petizione in favore di Iceberg, la cagnolina italiana condannata a morte in Danimarca, si chiede che possa tornare in Italia sana e salva.

Federica Federico

di Federica Federico

24 Giugno 2017


Aggiornamento al 4 luglio 2017:

Iceberg è salva. Tornerà a casa, in Italia. Hanno vinto tutti i sostenitori della campagna #saveIceberg.
Lo ha confermato l’Ambasciatore di Danimarca in Italia e ne ha dato notizia Rinaldo Sidoli che con tanto cuore si è speso per questa cagnolina che era stata condannata a morte all’estero.
Qui di seguito la storia della cagnolina italiana condannata a morte e salvata dal senso civico e dall’amore dell’uomo:

Cagnolina italiana condannata a morte in Danimarca: il suo nome è Iceberg ed è un Dogo argentino di 2 anni, il suo unico reato è essere nata della razza dei Dogo argentini e la sua sfortuna è aver passato la frontiera senza che nessuno informasse il padrone del fatto che in terra danese questa razza canina è bandita.

Salviamo Iceberg, la cagnolina Italiana condanna a morte in Danimarca.

 

Una petizione è stata aperta su change.org, a promuoverla Rinaldo Sidoli, responsabile nazionale Verdi nel settore tutela e salute degli animali.

Cagnolina Italiana condannata a morte in Danimarca, Dogo Argentino

Iceberg è una cagnolina nata e cresciuta in Italia, ha seguito il suo padrone in Danimarca; per ragioni di lavoro, Giuseppe, il legittimo proprietario di Iceberg e chef di professione, è emigrato. Originario di Avellino, oggi Giuseppe lavora e vive in Danimarca insieme alla sua compagna, che per altro è  in attesa del loro primo figlio.

Qualcuno do voi immaginava che i Dogo argentini sono bollati come “cani vietati” in terra danese? Io no. E non mi sento di giudicare Giuseppe per non essersi informato in merito al diritto di Iceberg di seguirlo. Da amante dei cani non mi sognerei mai di immaginare che il mio possa essere bandito da questo o quel paese.

Purchè un cane sia regolarmente registrato, sia vaccinato e stia bene in salute, dovrebbe avere il diritto di seguire ovunque la sua famiglia.

Perché la cagnolina italiana condannata a morte in Danimarca potrebbe essere “legittimamente” soppressa?

La cagnolini italiana condannata a morte in Danimarca è stata sequestrata in base alla Breed Specific Leigislation, una vera lista nera delle razze canine considerate pericolose. In base alla legge danese gli esemplari delle razze canine ricomprese in questa lista devono essere sequestrati dalle autorità e soppressi.

Giuseppe ha viaggiato con Iceberg regolarmente e all’aeroporto di Copenhagen la cagnollina è stata lasciata passare senza mai essere bloccata.

Iceberg è stata “arrestata” e condannata alla soppressione dopo una zuffa con un altro cane. Come si legge sulla petizione, entrambi i cani non hanno riportate ferite, una persona che è intervenuta per dividere gli animali ha, invece, riportato, invece, un graffio  di tre millimetri. La misura non è casuale nè irrilevante, essa attesta la lievissima entità dei fatti ed è indicata con precisione nel rapporto della polizia danese, almeno ciò è quanto sostenuto nella petizione in favore della cagnolina italiana condannata a morte.

Firmando la petizione si chiede che Iceberg possa tornare in Italia sfuggendo alla soppressione, ciò anche in virtù del fatto che è stata condotta in Danimarca senza sotterfugi né inganni e in assoluta buona fede.

 

Cagnolina italiana condannata a morte in Danimarca, qui la PETIZIONE

Leggi anche

Seguici