Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Figlia malata di cancro: genitori esaudiscono il suo desiderio

I genitori della piccola Paige decidono di esaudire quello che potrebbe essere l’ultimo desiderio della figlia malata di cancro al cervello, un tumore raro ed incurabile

Maria Corbisiero

di Maria Corbisiero

20 Ottobre 2017

Avevano iniziato da poco a pianificare le loro nozze, tutto sarebbe stato perfetto, la location, il vestito ma soprattutto le due damigelle, Paige ed Imogen, le loro figlie di 4 e 2 anni.

Purtroppo il destino, il fato o in qualunque altro modo vogliate chiamarlo, ha scelto per Jacob Skarratts e Tania Miller, residenti a Gold Coast, città australiana del Queensland, una strada ben diversa, più tortuosa e dolorosa.

Figlia malata di cancro: genitori esaudiscono il suo ultimo desiderio.

Figlia malata di cancro: genitori esaudiscono il suo ultimo desiderio

Perfettamente sana e felice, tra lo scorso luglio ed agosto la piccola Paige ha iniziato a lamentare dei forti mal di testa che si manifestavano ogni volta che rideva o piangeva.

Accurate analisi hanno purtroppo rilevato che la stessa aveva un cancro al cervello delle dimensioni di un piccolo limone.

 

I medici hanno così deciso di intervenire con un immediato intervento chirurgico, effettuato pochi giorni dopo la diagnosi, al fine di poter rimuovere la massa tumorale.

Purtroppo, a seguito dello stesso, gli specialisti hanno dichiarato il tumore “raro ed incurabile”.

 

Al fine di poter garantire alla piccola del tempo in più da vivere, l’ultima settimana di settembre i medici hanno tentato l’unica strada a loro disposizione: chemioterapia e radiazioni.

Purtroppo però il corpo di Paige non è stato in grado di tollerare quei trattamenti, dopo un solo giorno di questi ultimi infatti sono stati riscontrati dei fluidi e del sangue nel suo cervello che hanno determinato l’immediata interruzione delle cure.

Il 28 settembre scorso Jacob e Tania sono chiamati dai medici e portati in una stanza, qui apprendono che per la figlia malata non c’era più nulla da fare.

Paige era stata ufficialmente dichiarata una malata terminale con sole una o due settimane di vita.

 

Nonostante il dolore e la devastazione, i genitori della piccola Paige hanno accelerato l’organizzazione del loro matrimonio così da poter esaudire il desiderio, purtroppo l’ultimo, della figlia malata: fare loro da damigella.

<<Paige era molto emozionata per il nostro matrimonio – racconta Tania – Ogni volta che incontravamo qualcuno diceva “La mia mamma e il papà si sposano e io sarò la damigella che getta i fiori”>>.

Amici, parenti, in particolar modo Innez Stonnell, la sorella di Jacob, finanche il personale del Lady Cilento Children’s Hospital di South Brisbane, nel Queensland (Australia), hanno contribuito alla realizzazione di quel sogno.

In meno di 24 ore Jacob e Tania hanno organizzato nel giardino dell’ospedale la loro cerimonia nuziale alla quale hanno preso parte 30 invitati.

<<Non è così che l’avevamo pianificato – racconta Tania e, facendo riferimento alla figlia malata, spiega – non poteva aprire gli occhi, ma era la e questa è la cosa più importante… ha sentito, ascoltato e percepito l’amore che ha creato>>.

In molte delle foto che la fotografa Kylie Marcic ha scattato prima e durante la cerimonia celebrata il 29 settembre scorso, la piccola Paige appare con gli occhi chiusi, la malattia l’aveva stancata ma nonostante ciò ha voluto esserci ed era pienamente consapevole di cosa stesse accadendo attorno a lei.

 

 

 

 

Jacob e Tania hanno percorso la natava accompagnati dalle loro bambine, Paige, la figlia malata costretta nella sua sedie a rotelle, e la piccola Imogen, abbracciata alla sua mamma.

 

 

 

Paige sta ancora combattendo la sua battaglia che Tania racconta sulla pagina Facebook Love & Hope 4 Paige, piattaforma social che ha voluto dedicare alla figlia malata.

<<Ogni giorno, dopo il matrimonio, ci svegliamo e siamo grati per averla. Ogni ora che passa siamo grati di avere più tempo con lei>>.

E lei, nonostante tutto, continua a sorridere.

 

 

 

 

Qui di seguito il video di quel giorno speciale.

 

Leggi anche

Seguici