Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Come eliminare i segni della varicella

Le mamme si chiedono spesso quando scompaiono i segni della varicella, le cicatrici possono diventare permanenti e in età adulta eliminare i segni della varicella può divenire, quindi, un problema di carattere estetico.

Federica Federico

di Federica Federico

29 Gennaio 2018

La varicella può lasciare cicatrici permanenti sulla pelle. Quando queste rimangono molto evidenti, sopratutto nell’area del viso, liberarsene diventa un problema di carattere estetico. Eliminare i segni della varicella è possibile, la medicina e la chirurgia estetica possono aiutare i pazienti adulti (a seconda dei casi i trattamenti medico-estetici possono essere affrontati non prima dei 18\20 anni).

 

I segni della varicella sono uno degli incubi delle mamme, è bene che si sappia che prevenirli è più facile che curarli. Pertanto, prima di entrare nel merito dei possibili rimedi e trattamenti estetici validi per eliminare i segni della varicella, è bene comprendere come prevenire le cicatrici.

 

come evitare i segni della varicella rimedi

 

Come evitare segni della varicella

 

La vescicola piena di materiale purulento, cioè la bollicina dalla testina giallastra (detta anche a cappello giallo), è il classico sintomo di questa malattia esantematica.  In un decorso fisiologico, che non contempla la sua rottura, la suddetta vescicola si ricopre di una crosticina scura che cade dopo 7-20 giorni. Se la vescicola non viene rotta, la crosticina fisiologica si stacca spontaneamente senza lasciare alcuna cicatrice.

 

Purtroppo le vescicole sono fortemente fastidiose e pruriginose, fastidio e prurito portano il paziente a grattarsi lesionando la cute e rompendo le vescicole; le stesse crosticine possono essere rimosse dalle unghie sotto lo sfregamento delle dita. Tutto questo dà spazio alla formazione delle cicatrici.

 

La somministrazione di un antistaminico diminuisce il prurito e minimizza, quindi, il rischio di lesioni da sfregamento aiutando a prevenire le cicatrici.

Delle buone muffolime aiutano a evitare che il bimbo si gratti e sfreghi la cute prevenendo l’esito cicatriziale delle eventuali lesioni, in questo senso i guantini rappresentano un buon rimedio per evitare la formazione delle cicatrici.

 

Una doccia al dì aiuta a lenire il prurito ammorbidendo anche la cute.

 

Meglio preferire la doccia al bagno che se prolungato può ammorbidire le crosticine ritardando la cicatrizzazione.

 

Per le stesse ragioni è bene evitare che i pazienti sudino. 

 

Soprattutto i bambini non vanno appesantiti nel vestiario preferendo indumenti in fibre naturali e traspiranti.

 

Sintetizzando possiamo affermare che i segni della varicella rimangono permanentemente quando il paziente, tormentato dalle fastidiose vescicole, dalle crosticine e dal prurito, sfrega le mani sulla pelle e determina o favorisce le lesioni cutanee. Per di più l’ampiezza e la profondità delle lesioni sarà maggiore se e quando la cicatrice si infetti, le unghie che rompono la pelle, in modo particolare, possono essere facilmente il veicolo di infezioni. In questo senso l’igiene delle mani dei pazienti affetti da varicella va mantenuta alta:

 

le mani vanno lavate e pulite spesso e le unghie tagliate. Ciò vale massimamente con riguardo ai bambini.

 

Le lesioni permanenti possono incominciare a rappresentare un problema già in età adolescenziale.

 

Trattamenti estetici per eliminare le cicatrici da varicella in età adulta

 

Diciamo subito che l’esigenza di eliminare le cicatrici da varicella riguarda le lesioni cutanee rimaste evidenti sul viso, area esposta del corpo. Diciamo anche che dette lesioni sono particolarmente invadenti per la loro stessa forma: si presentano come dei crateri sulla cute, piccoli buchetti nella pelle rimasti laddove vi era la vescicola e la crosticina.

 

I trattamenti validi per eliminare le cicatrici da varicella variano a seconda dell’età delle lesioni:

 

le cicatrici fresche possono essere trattate con microiniezioni di acido ialuronico che stimola la cute a produrre collagene ed elastica capaci di rimpolpare le zone lesionate favorendo la rigenerazione del tessuto;

 

le cicatrici anziane possono essere trattate col laser con lo scopo ultimo di livellare i bordi della cicatrice rispetto al resto del viso. In alternativa si può ricorrere al lipofilling che agisce in maniera diametralmente opposta al trattamento laser, ovvero aumenta i volumi del viso omogeneizzandoli e riducendo così l’impatto delle cicatrici.

 

Alle mamme va raccomandato di fare sempre riferimento al pediatra, in modo particolare non pensate di eliminare le cicatrici da varicella con l’autoprescrizione di pomate o rimedi per adulti. .

Leggi anche

Seguici