Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Fabrizio Moro: la difficoltà di essere papà e cantante

Vincitore del Festival di Sanremo 2018 insieme ad Ermal Meta, Fabrizio Moro ha dedicato la sua vittoria ai suoi figli, sua grande fonte d’ispirazione

Redazione VitaDaMamma

di Redazione VitaDaMamma

14 Febbraio 2018

“Undici anni fa vinsi il festival con Pensa e dedicai la vittoria a mio padre, oggi la dedico a mio figlio, Libero, che mi guarda a casa”.

È quanto dichiarava alcuni giorni fa Fabrizio Moro sul palco dell’Ariston, dopo aver appreso di aver vinto con la canzone “Non mi avete fatto niente”, cantata in coppia con Ermal Meta, la 68° edizione del Festival di Sanremo.

Il cantante ha così bissato il successo ottenuto nel 2007 quando, grazie al singolo “Pensa”, aveva vinto la sezione giovani della celebre kermesse.
 

Fabrizio Moro: la difficoltà di essere papà e cantante.

 
Fabrizio Moro: la difficoltà di essere papà e cantante
 
Molto riservato e geloso della sua vita privata, Fabrizio Moro racconta poco di se e della sua famiglia durante le interviste, più propenso ad affidare i suoi sentimenti e le sue emozioni alla musica, trasformandole in quei testi che l’hanno reso celebre.

Ma dietro al cantante e l’artista vi è anche un papà che in passato ha sofferto la lontananza dai suoi figli, sua fonte di ispirazione e protagonisti di quelli che lui stesso definisce “gli unici momenti di pace”.
 
Classe 1975, Fabrizio Moro è fidanzato con Giada, la donna con la quale convive da diversi anni, laureata in Architettura d’interni alla Sapienza di Roma.

La coppia ha due figli: Libero, nato il 17 agosto del 2009, così chiamato dal cantante per ispirargli il valore della libertà, e Anita, nata nel settembre del 2013, alla quale ha dedicato “Portami Via”, brano che presentò al festival di Sanremo 2017.

“Gli unici momenti di pace che ho percepito nella vita sono stati con Libero, 8 anni, e Anita, di 3. Pur essendo un papà giovane, mi pento di non averli fatti prima. Loro danno senso a tutto: insegnargli le cose è come scrivere per me”.

 

Un post condiviso da Fabrizio Moro (@fabriziomoropage) in data:


 
Raccontava Fabrizio Moro in un’intervista rilasciata al magazine Vanity Fair nel marzo del 2017, ossia poco dopo la sua partecipazione alla celebre kermesse canora.

Fu quella una delle poche dichiarazioni che il cantante rilasciava sulla propria vita privata. Argomento che riprese nel successivo luglio tra le pagine del quotidiano Libero.
 

Impegnato nel tour estivo dell’album “Pace”, Fabrizio Moro è stato a lungo lontano da casa, ma soprattutto lontano dai suoi affetti.

 
Alla domanda diretta su come vivesse la paternità associata alla carriera di artista “errante”, lo stesso rispose:

“Non bene. Il pensiero di non poter stare al fianco dei miei bambini mi fa soffrire. E anche per loro è così. Mio figlio si è allontanato dalla musica proprio per questo, lo vede come il motivo per cui il suo papà è sempre via”.

Nonostante ciò, il cantante cerca di conciliare la musica, sua grande passione nonché lavoro, con la sua famiglia, assaporando ogni momento ed istante vissuto con i suoi affetti più cari, i suoi bambini, pronti a riabbracciarlo ogni volta che scende dal palco.
 

Un post condiviso da Fabrizio Moro (@fabriziomoropage) in data:


 
 


 
 
 
 
Fonte: Vanity FairLibero

 

 

Leggi anche

Seguici