Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

Kirsty Baldwin: mamma derubata, perde i capelli della figlia morta

In un post reso pubblico su Facebook Kirsty Baldwin chiede di condividere le immagini del suo ricordo della figlia e quelle della borsa insieme ai dettagli relativi al furto.

Federica Federico

di Federica Federico

25 Marzo 2019

Ci sono madri che non hanno una vita, piuttosto vivono una sopravvivenza spesso condotta con piena concentrazione sui figli, quelli “altri”, quelli nati prima o dopo una disgrazia: queste mamme sono le mamme degli angeli.

 

Da Lossiemouth, Scozia nord-orientale, arriva la storia di una di queste mamme. Probabilmente non possiamo fare molto per lei materialmente, tuttavia da ciò che le è accaduto riusciamo a trarre almeno due importantissimi insegnamenti:

    1. i figli vanno accuditi con pazienza e amore, la prima non deve cedere dinanzi alle piccole difficoltà quotidiane, anzi deve godere del confronto con le peripezie della vita e si deve alimentare con costanza;

 

  1. i genitori degli angeli meritano il nostro più profondo rispetto, qualunque sia la causa della loro perdita, il loro dolore è devastante.

La società non dovrebbe mai né nascondere né negare il dolore di un genitore, al contrario dovrebbe accoglierlo e accarezzarlo come si fa con gli esseri indifesi apprestando ogni tutela per le famiglie che hanno perduto un bimbo (figlio o fratello, nipote o cugino).

Kirsty Baldwin

Kirsty Baldwin è una mamma 35 enne, mercoledì scorso ha subito un furto: mentre era in auto, prossima a mettere in moto la sua vettura e partire, un malvivente ha aperto lo sportello e ha trafugato la borsa della donna.

 

Una certa somma di danaro, le carte di credito, l’Ipad e altri oggetti sostituibili erano in quella borsa, tuttavia tra essi c’era un bene dal valore assoluto:

 

Kirsty Baldwin custodiva nella sua borsa una ciocca di capelli biodi, l’unica cosa che le resta della sua bambina volata in cielo.

 

Dal 2013 Kirsty Baldwin convive con la morte di sua figlia Ellie Louise, la bambina è scomparsa velocemente sconfitta da una polmonite bronchiale. A parte i suoi vestiti, i giochi e le cose che materialmente erano state sue, la mamma conservava di lei una ciocchetta bionda perduta insieme a quella borsa.

 

I ladri hanno sottratto anche quel pezzettino di Ellie! Quanto accaduto ci dimostra che nessuno può conoscere i dolori nascosti delle persone che si muovono nel mondo accanto a noi, e allo stesso tempo ci svela che ogni nostro gesto può riaprire ferite celate. In questo caso un gesto aberrante ha avuto una ricaduta enorme, ben più grave di qualsiasi conseguenza mai immaginabile.

 

In un post reso pubblico su Facebook Kirsty Baldwin chiede di condividere le immagini del suo ricordo della figlia e quelle della borsa insieme ai dettagli relativi al furto.

 

E’ ovvio che i fatti sono accaduti così lontano da noi da lasciarci estranei a una condivisione operativa, tuttavia moralmente non si può rimanere indifferenti alle parole di questa mamma:

Senza entrare molto nel dettaglio, poiché tutto ciò è per me molto traumatico per me, vi racconto i fatti:  mercoledì sera sulla strada di casa, di ritorno dall’aeroporto di Manchester, mi sono fermata alla stazione di servizio per un caffè. Tornata alla mia auto sono stata rapinata e la mia borsa è stata portata via insieme al mio Ipad, al portafoglio, e ad alcuni euro, al passaporto e ad altri piccoli oggetti, tutti gli articoli sono sostituibili, ma la mia borsa custodiva anche dei capelli di Ellie. Chiedo colcuore pesante se tutti voi  potete condividere  e portare lontano questo messaggi affinchè il ricordo di Ellie possa tornare indietro. La polizia è allertara e sta usando anche i socil per diffondere la ricerca. Vi aggiornerò. Grazie a tutti!!

 

Leggi anche

Seguici