Questo sito contribuisce
all'audience di

 

Seguici:

La bimba ferita nell’agguato di Piazza Nazionale è fuori pericolo

La bimba ferita nell'agguato di Piazza Nazionale è fuori pericolo: Noemi è sveglia e vigile, respira da sola e mangia autonomamente. Ancora non parla molto.

Redazione VitaDaMamma

di Redazione VitaDaMamma

20 Maggio 2019

Noemi, la bimba ferita nell’agguato di Piazza Nazionale a Napoli, è fuori pericolo, è sveglia e cosciente, respira e si alimenta autonomamente, la prognosi è stata sciolta con grande gioia di tutti.

la bimba ferita nell'agguato di Piazza Mercato a Napoli, non è più in pericolo di vita

Il killer che aveva aperto il fuoco tra la folla è responsabile del ferimento di Noemi e della nonna, nonché della vittima designata dell’agguato.

 

La piccola Noemi ha lottato per giorni tra la vita e la morte: è stata salvata da un intervento chirurgico delicatissimo, capace di riparare ai danni che il proiettile aveva provocato trapassando entrambi i polmoni. Frammenti dei vestitini della bimba erano stati rinvenuti nei polmoni, ma fortunatamente questa contaminazione non ha dato luogo a infezioni significative né ci sono state complicazioni tali da limitare il buon decorso operatorio, così, dopo 17 giorni di ricovero, in una Napoli che celebra i medici e ringrazia Dio, Noemi viene dichiarata fuori pericolo.

 

Noemi, la bimba ferita nell’agguato di Piazza Nazionale a Napoli, non è più in pericolo di vita:

 

per respirare non le è più necessario alcun supporto di ossigeno e “i parametri vitali sono stabili e il quadro clinico è in miglioramento “, come  si legge nell’informativa dei sanitari.

 

Tuttavia la bimba non ha ancora abbastanza energia per parlare; la stampa, attenendosi al racconto della nonna, attribuisce alla bambina solo poche parole come “Nonna mia, ti amo“.

 

E’ proprio la nonna, Immacolata Molino, a raccontare i momenti critici della sparatoria in cui la piccola Noemi ha rischiato di perdere la vita:  All’inizio pensavo che fossero botti, fuochi d’artificio che si esplodono comunemente, poi ho visto quell’uomo che sparava all’impazzata puntando la pistola anche contro di noi. Tenevo Noemi per una mano e mi sono piegata verso di lei per proteggerla. Il proiettile mi ha perforato e ha colpito Noemi. Ma all’inizio non mi ero accorta di nulla“.

 

La nonna di Noemi non fa mancare i suoi ringraziamenti alla città tutta che ha dimostrato grandissima umanità e tanto calore: “E’ stato bellissimo, commossa dalla veglia al Santobono questa è la vera Napoli.

Leggi anche

Seguici